CALCIOMERCATO 2015 : I 5 MIGLIORI ACQUISTI DELLA SERIE A DAI CAMPIONATI ESTERI

Ecco di seguito una mia personale classifica dei 5 migliori acquisti delle squadre di serie A dai campionati esteri in questo calciomercato estivo 2015.

  1. ROMA, EDIN DZEKO : L’attaccante è arrivato alla Roma per 18 milioni di euro dal Manchester City. Edin negli ultimi anni coi ‘citizens’, non si sa perchè, ha fatto fatica a trovare spazio, chiuso dai vari Aguero, Negredo e per ultimo, Bony. C’è un ‘ma’ in tutto questo : nel suo periodo al City, nonostante il ruolo del comprimario, quando chiamato in causa Dzeko non ha mai fallito le occasioni che gli sono state concesse. La verità è che l’attaccante bosniaco, secondo me, è tra le dieci prime punte più forti al mondo, dietro i vari Ibrahimovic, Lewandowski, Diego Costa, Aguero. Potrebbe essere il giocatore che permetterà alla Roma di Rudi Garcia di fare il definitivo salto di qualità. La prima marcatura, da ricordare, è arrivata contro la Juventus, l’altra favorita per il titolo, chissà che non sia l’anno buono per i giallorossi.
  2. MILAN, CARLOS BACCA : “Ha 29 anni, è vecchio”, “Prezzo esagerato per un 30enne in declino, Galliani demente”… questi sono molti dei commenti che ho letto dopo l’arrivo della punta colombiana. Innanzitutto, è vero, Bacca ha 30 anni, è un dato di fatto incontrovertibile, non è più un ragazzino e ha, al massimo, ancora due/tre anni di carriera ad alto livello. Anche qui però, mi permetto di dissentire per diversi aspetti : Carlos Bacca arriva in rossonero dopo aver vinto due Europa League consecutive, decidendo quella più recente, della stagione scorsa, con una doppietta, portando quindi al Milan un discreto aiuto dal punto di vista dell’esperienza e della personalità. “Preferivo Jackson Martìnez”, ecco un altro dei commenti più comuni : mi permetto di dissentire un altra volta. Bacca rispetto a Jackson Martìnez è un attaccante che fa maggiore movimento non dando punti di riferimento ai difensori, è molto più veloce rispetto al colombiano ex Porto e soprattutto, ha segnato moltissimo in un campionato molto più competitivo di quello portoghese, dove la quarta squadra più forte è il Braga.. in Spagna ti devi misurare con Barcellona, Atletico, Real, Valencia, Bilbao e Villarreal, la vita non è facile, quindi invito i pochi milanisti restati scottati dalla trattativa per Jackson a ricredersi su Carlos Bacca, perchè dopo un mercato non del tutto buono si rivelerà un faro per la squadra guidata da Sinisa Mihajlovic.
  3. INTER, STEVAN JOVETIC : Finalmente sembra essere tornato il vero Jovetic, quello dei tempi della Fiorentina, quello capace di risolvere parecchie situazioni complicate, come? 3 gol in due partite con la maglia dell’Inter, una media da ‘Bobo’ Vieri dei tempi d’oro per un giocatore che non è neanche una prima punta di ruolo. Jovetic ha subito diversi infortuni che ne hanno condizionato la carriera, soprattutto con la maglia del Manchester City. La sua voglia di rivalsa si sta facendo sentire e sarà uno dei cardini della nuova Inter, sotto la nuova gestione di Roberto Mancini.
  4. JUVENTUS, MARIO MANDZUKIC : Do ragione a chi dice che non è Carlos Tevez, del quale non possiede la grazia e l’estro. La verità è un altra, il sostituto dell’Apache è Paulo Dybala, Manduzkic è stato preso per fare il suo lavoro : il killer d’area di rigore. Il croato, fino a pochi anni fa, giocava e segnava in una finale di Champions League (Bayern Monaco vs. Borussia Dortmund) ed era considerato una delle migliori punte al mondo. Sarà un giocatore molto prezioso per la Juventus, quando la squadra sarà definitivamente collaudata.
  5. FIORENTINA, JAKUB BLASZCZYKOWSKI : Non voglio togliere meriti ai vari Kondogbia, Cuadrado, Murillo, Miranda, Digne, Balotelli o Salah di turno, questo colpo però è stato un fulmine a ciel sereno. Il prediletto di Klopp è arrivato alla corte di mister Paulo Sousa solo all’ultimo giorno di calciomercato per pochi spicci. E’ avanti con l’età anche lui, ma sta di fatto che il buon Kuba è come il vino, più invecchia e più è buono, nonostante i molti acciacchi fisici che gli hanno pregiudicato una carriera da top player. Jakub ha disputato solo 3 anni fa una finale di Champions League, è un ‘esterno tuttofare’, sa offendere e sa difendere molto bene ed in modo equo e ben distribuito su 90′ di partita. Lo reputo un leader carismatico, dedito a valori come umiltà e sacrificio. Può diventare un uomo molto importante per i viola nella stagione corrente.

Articolo a cura di : Daniele Pagani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...