INTER, TANTI NOMI PER IL CALCIOMERCATO

Banega.jpg

La squadra guidata da Roberto Mancini ha già iniziato a pianificare la prossima stagione. L’obiettivo, a causa del netto +8 della Roma di Spalletti, è diventato quello di terminare il campionato davanti alla Fiorentina per qualificarsi alla prossima Europa League senza passare dai preliminari, poi si penserà al calciomercato.

Il KO interno, a San Siro, col Torino di Giampiero Ventura non ha sicuramente giovato al morale dei nerazzurri, sempre più lontani dal proprio obiettivo stagionale. Qualificarsi alla prossima edizione della UEFA Champions League avrebbe permesso ai nerazzurri di pagare tutte le rate dei giocatori presi in prestito, da Alex Telles a Adem Ljajic, per cui ora si cerca di ammortizzare le richieste dei rispettivi club di appartenenza, rispettivamente i turchi del Galatasaray e la Roma.

Sono tanti i nerazzurri ambiti sul mercato: Mauro Icardi è seguito dalle principali big europee (Real Madrid, Manchester United, Arsenal, Paris Saint Germain, Atletico e Real Madrid), Marcelo Brozòvic in questa stagione ha stupito gli addetti ai lavori, e come Joao Miranda, piace specialmente in Premier League, Perisic piace moltissimo ad Antonio Conte per il suo nuovo corso sulla panchina del Chelsea, Murillo piace al Bayern Monaco di Carlo Ancelotti. Anche lo stesso Samir Handanovic, prima sicuro della permanenza, ora rischia di dire addio, per non meno di 20 milioni.

I nomi per sostituire il gigante sloveno sono Salvatore Sirigu, che si libererà a zero dal PSG, Mattia Perin del Genoa e Bernd Leno del Bayer Leverkusen. Negli ultimi giorni si è anche parlato di un addio pressochè certo di Juan Pablo Carrizzo. L’Inter, a questo punto, si è preparata un piano per sopperire a queste partenze: potrebbe puntare su un giovane italiano come Perin, e per il ruolo di secondo potrebbe arrivare Steve Mandanda a parametro zero.

In difesa è necessaria una rivoluzione sulle corsie esterne e qualche aggiustamento al centro: Miranda e Murillo, a meno che non arrivino offerte monstre, sono sicuramente confermati. Medel dovrebbe passare in pianta stabile nel reparto arretrato. L’obiettivo è trovare un difensore futuribile da affiancare a Murillo. Piacciono Dragovic, già vicino in passato, Lacroix del Sion e Armando Izzo del Genoa. Juan Jesus potrebbe essere dato alla Roma per ammortizzare il riscatto di Ljajic. Sulle fasce via Nagatomo (nonostante il rinnovo, in caso di offerte verrà ceduto), D’ambrosio, Santon (piacciono in Premier), e forse Telles, se non verrà trovato un accordo col Gala. Il terzino brasiliano è comunque stato il migliore quest’anno, dovrebbe arrivare a parametro zero Caner Erçin, laterale sinistro del Fenerbhace, a destra piacciono Widmer dell’Udinese, Meunier del Brugge e Van der Wiel (che si libererà gratis dal PSG). Resta sempre monitorato e molto vicino il terzino classe 97′ brasiliano Guilherme Arana, il giocatore ha rifiutato il Genoa nel mercato di riparazione per aspettare l’Inter.

A centrocampo resterà sicuramente Kondogbia. Banega sarà il nuovo regista e ha già svolto in granc segreto le visite mediche di rito, il Siviglia sta già cercando un sostituto adatto. Soriano è prenotato, se l’Inter vuole chiudere può farlo quando vuole, c’è già un accordo di massima sul prezzo con Massimo Ferrero, anche perchè il presidente blucerchiato sembra voler trattenere sia Ranocchia che Dodo. Possibili partenti restano Assane Gnoukouri, ma solo in prestito secco (potrebbe andare a Udine per Widmer), Felipe Melo che potrebbe sorprendentemente tornare al Galatasaray, e Marcelo Brozovic, per cui sembra pronta una vera e propria asta internazionale. Piacciono molto Ben Arfa (PZ, ma il Milan è in netto vantaggio), Juan Mata (in Inghilterra parlavano di una trattativa riguardante anche Miranda, ancora zero conferme). Piacciono tantissimo due giovani talenti: Walace, classe 96′ del Gremio, considerato il Pogba del Brasile, e Marko Rog, centrocampista classe 1995 della Dinamo Zagabria. Yaya Tourè è solo una supposizione giornalistica: il giocatore dovrebbe lasciare il City, ma non vuole tagliarsi l’ingaggio (altissimo), e vorrebbe restare ad alti livelli (lo segue la Juventus, lo sogna il West Ham, ci pensa Conte per il Chelsea). L’unico che può cambiare idea (e puo fargli cambiare idea al giocatore) è Roberto Mancini. Sempre seguito Oziakup del Besiktas, Granit Xhaka è un sogno e resterà tale (Wenger e Tuchel sono pronti a darsi battaglia per lui), sondato anche Ergis Kaçe, regista classe 1993 del PAOK Salonicco, costa 3 milioni di euro. E’ ufficiale un affare homemade: il 16enne Chris Durkin, miglior talento del DC United, sempre di proprietà di Thohir, è in prova con la Primavera nerazzurra.

Davanti tantissime incognite. La prima è Stevan Jovetic: l’attaccante montenegrino vorrebbe la conferma, Mancini gli darà le ultime chance in questo finale di stagione, il talento è indiscutibile, ma ciò che non ha convinto è l’incostanza del giocatore, così come per Adem Ljajic, comunque amatissimo dal popolo nerazzurro. Eder e Perisic sono i confermati sicuri, nonostante l’ala croata sia oggetto del desiderio di Antonio Conte per il suo Chelsea. Discorso a parte per Icardi: è il capitano, vorrebbe restare e ripercorrere le orme dei grandi argentini passati dall’Inter. Eppure, senza UCL, potrebbe partire, l’Inter spera di lanciare un’asta internazionale che raggiunga cifre spropositate. Il sogno per sostituire Maurito sarebbe sicuramente Karim Benzema, prossimo all’addio al Real, che punta su Morata e Lewandowski. Piace tantissimo l’esterno d’attacco Josip Brekalo, classe 1998, sempre della Dinamo Zagabria, squadra con cui l’Inter ha strettissimi rapporti per quel che riguarda il calciomercato. L’obiettivo numero 1 è comunque quello di trovare un Perisic da schierare a destra: per caratteristiche, fisiche e tecniche, l’ideale sarebbe senza ombra di dubbio, Antonio Candreva, per cui Lotito chiede almeno 25 milioni, tanti per un 28enne. Alternative (ma non troppo) sono Karim Bellarabi del Leverkusen, pressochè inarrivabile, soprattutto senza Champions, Domenico Berardi, nerazzurro di fede ma per cui la Juventus ha una prelazione, anche se l’agente ha amesso che la scelta definitiva spetterà al giocatore, Marko Pjaca, altro talentuoso croato classe 95 che, manco a dirlo, gioca nella Dinamo Zagabria, e Soufiane Feghouli, il più economico ma allo stesso tempo sicuro sul piano tecnico, si svincolerà dal Valencia. Nani non trova alcuna conferma tra le varie testate giornalistiche, Boufal è un nome sempre attuale ma mai trattato realmente.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...