L’INTER RINUNCIA A BERARDI? NO, RADDOPPIA!

berardi.jpg

I nerazzurri, dopo solo una settimana, sembravano già estromessi dalla corsa all’esterno offensivo classe 1994. Trattativa difficilissima, ma non impossibile. E vi spiego perchè.

L’Inter non può permettersi Domenico Berardi“, ecco le parole del presidente del Sassuolo, Giorgio Squinzi, giusto una settimana fa. Parole che sapevano di sentenza, almeno fino a ieri sera.

Esatto, perchè i nerazzurri non ci hanno sentito, e anzi, hanno deciso di rilanciare forte sul ragazzo calabrese che già da 2/3 stagioni fa impazzire le difese di mezza Serie A. L’offerta è monstre: si parla di 25 milioni di euro al Sassuolo e altrettanti (lordi), per cinque stagioni, al giocatore. Ingaggio da vero e proprio top player e ruolo da titolare sulla fascia destra.

Il Sassuolo ha deciso di tenerlo in Emilia un altro anno, vista anche l’opzione morale che la Juventus ha sul ragazzo. Ma il ragazzo vuole davvero la Juve? Attualmente, sembra proprio di no. La paura di Berardi, da quanto trapela dal suo entourage, è quella di fare la fine del vecchio amico Simone Zaza, suo partner d’attacco proprio con la maglia del Sassuolo e che ha fatto parecchia fatica ad imporsi quest’anno con la maglia bianconera.

In effetti, avere la concorrenza di gente come Paulo Dybala, davvero super nella stagione scorsa, Alvaro Morata, che alla fine potrebbe restare facendo valere la sua volontà, Mario Mandzukic, un giocatore rivelatosi davvero prezioso per la grande esperienza, e Simone Zaza, non deve essere così tanto piacevole.

L’Inter quindi, oltre ad offrirgli un ricco ingaggio, gli sta proponendo un ruolo da assoluto protagonista, un ruolo da top player insomma. Domenico Berardi, seppur non sia un fattore così influente, è anche un’interista doc.  L’ok per l’offerta all’esterno neroverde è arrivato pure da Nanchino, sede del Suning Commerce Group.

L’offerta c’è: Berardi è la prima scelta di Roberto Mancini per la fascia destra. L’alternativa è Antonio Candreva della Lazio di Claudio Lotito, 7 anni più grande di Berardi ma anch’egli con valutazione che sfiora i 25 milioni di euro. L’Inter aveva già avanzato un’offerta di 16 o 17 milioni più bonus (fino ad arrivare a 20) rifiutata seccamente dai biancocelesti. Lo scopo del DS nerazzurro, Piero Ausilio, è quello di abbassare le richieste economiche di Claudio Lotito, praticamente irremovibile se si tratta di cedere un proprio giocatore.

Berardi (o Candreva) sarebbe, almeno sulla carta, il sostituto in rosa di Stevan Jovetic, con il quale potrebbe arrivare denaro fresco nelle casse nerazzurre. L’Inter, alla prima presenza ufficiale della stagione 16/17, sarebbe obbligata a riscattare il montenegrino dal Man.City di Pep Guardiola. L’obiettivo è riscattarlo e venderlo in stile Xherdan Shaqiri, arrivato dal Bayern Monaco nel Gennaio del 2015 e rivenduto dopo 6 soli mesi allo Stoke City.

NOTA FINALE: Sempre a destra, ma per la difesa, è già arrivato l’ok per il trasferimento a Milano di Christian Daniel Ansaldi, che il Genoa ha riscattato dallo Zenit. Enrico Preziosi ascolta solo offerte pari o superiori agli 8 milioni. Rifiutate contropartite tecniche come il terzino destro Davide Santon, il prestito di Gnoukouri o la seconda metà del cartellino di Diego Laxalt, che tanto bene ha fatto con Giampiero Gasperini. L’obiettivo del presidente rossoblu è chiaro: lanciare un’asta per avere un ricavo maggiore, la concorrenza per l’Inter è rappresentata dalla Roma, che offre anche il cartellino di Leandro Castan, e la Fiorentina di Paulo Sousa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...