MIKEL MERINO, OSASUNA NEL SANGUE E COL BVB NEL FUTURO

merino.jpg

NOME E COGNOME: Mikel Merino Zanòn

ANNO DI NASCITA: 1995

RUOLO: mediano

NAZIONE: Spagna

PIEDE: sinistro

FISICO: 188 cm x 78 kg

Si chiama Mikel Merino Zanòn ed è uno dei nuovi craque del Borussia Dortmund di Thomas Tuchel. Il ragazzo ha firmato con i gialloneri della Ruhr per cinque anni ed è stato pagato 4 milioni di euro. Merino è nato nella città di Pamplona, capoluogo della Navarra, ed ha iniziato a giocare a calcio quando era poco più che un bambino, nel CD Amigò. Era ancora un ragazzino quando arrivò la chiamata dell’Osasuna, squadra dove suo padre è stato un famoso giocatore ed allenatore.

Dopo tutta la trafila delle giovanili, il ragazzo viene inserito nella formacìon B, esordendo in Tercera Division (Lega Pro spagnola) nella stagione 2013/2014. Merino dimostra subito di avere qualcosa in più degli altri ragazzi della cantera e l’allenatore della prima squadra dei Gorritxoax (The Reds), Enrique Martin, decide di lanciarlo in Segunda Division.

L’esordio ufficiale arriva contro il Barça B, match vinto dall’Osasuna con un secco 2-0, per la prima rete bisogna aspettare il mese di Dicembre, nel match contro Las Palmas. Merino colleziona ottime prestazioni e convince i selezionatori della nazionale under 19 a portarlo allo stage per l’europeo di categoria, vinto proprio dalla sua Spagna.

La scorsa stagione, sempre in Segunda Division, Merino ha messo insieme qualcosa come 35 presenze e 6 marcature. Il Borussia Dortmund, perso un calciatore del calibro di Ilkay Gundogan, ha deciso di puntare sul ragazzo, pagandolo 4 milioni di euro all’Osasuna. Sul ragazzo c’erano anche Arsenal, Barcellona, Siviglia e Valencia ma i Borussen sono stati più lesti delle altre pretendenti. E c’è già chi è convinto, dalle parti del Signal Iduna Park, che il Borussia abbia fiutato l’ennesimo affare di mercato.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Merino è un classico mediano d’interdizione e bravo a costruire gioco. E’ molto duttile dal punto di vista tattico: può essere schierato anche da trequartista e da interno. Essendo in possesso di un grande sinistro e di un’ottima visione di gioco risulta spesso fondamentale nel giro palla della propria squadra. Il fisico ben strutturato lo rende un avversario molto ostico sia nei contrasti (anche nell’uno contro uno) e nel gioco aereo, soprattutto nei calci piazzati a favore. Essendo utilizzato maggiormente in fase difensiva, pecca nelle proiezioni offensive e negli inserimenti senza palla. Può essere paragonato, per caratteristiche fisiche e tecniche (seppur con le dovute proporzioni) a Sergio Busquets.

Articolo a cura di: Daniele Pagani

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...