EDITORIALE: GIU’ LE MANI DA FRANK DE BOER

de boer.jpg

Il tecnico olandese è finito sotto accusa dopo l’imbarazzante sconfitta patita in UEL contro l’Hapoel Be’er Sheva (0-2). Il suo nome è già stato accostato alla parola esonero, e c’è pure chi sostiene che contro la Juventus sarà un impegno decisivo per il suo futuro.

Ma perchè dovrebbe rimetterci proprio De Boer in tutto questo? Perchè dovrebbe pagare il tecnico olandese per colpe non sue? De Boer è arrivato sulla panchina nerazzurra a una sola settimana dall’inizio della stagione 2016/2017, per sostituire un isterico Mancini, che è reo di aver fatto una preparazione non adeguata (si sono visti parecchi giocatori sulle gambe).

Certo: alcune dichiarazioni come “Juve non abbiamo paura“, “noi siamo gli unici anti-Juve in Italia“, hanno scatenato l’irriverenza dei tifosi avversari, specialmente se si pensa al fatto che in 4 partite disputate, l’Inter non è mai andata in vantaggio (Chievo, Palermo, Pescara ed Hapoel), ma nei 3 punti di Pescara, con i titolari in campo, si sono viste buone trame di gioco.

L’unica cosa che gli si può imputare come capo d’accusa è la fragilità difensiva: l’Inter ha subito 6 gol in 4 match. Murillo sembra essere distratto e sulle gambe. Le alternative del colombiano? meglio non parlarne, non penso che i tifosi abbiano stima e fiducia in Andrea Ranocchia, mentre Marco Andreolli è ancora infortunato.

Capitolo terzini: la debolezza più grande. D’ambrosio, Nagatomo, Santon: nessuno di loro merita di vestire la maglia nerazzurra, è un dato di fatto. Troppe distrazioni che portano a situazioni pericolose, scarsa concentrazione. Ma Christian Ansaldi, out causa infortunio in questo in questo inizio di stagione, non può sdoppiarsi e giocare su entrambe la fasce. C’è la necessità di trovare difensori all’altezza. Perchè non tesserare Martin Caceres allora? il terzino uruguayano, nonostante i guai fisici, potrebbe essere un’ottima soluzione, certo… temporanea, ma comunque migliore della situazione preesistente. Oppure sarebbe anche bello, in stile DeBoeriano, puntare su ragazzi come Yao Eloge e Senna Miangue (eppure ci sarebbe anche Federico Dimarco..).

Suning Commerce Group comunque, ha le idee molto chiare: creare una squadra vincente nel giro di 2/3 anni tramite gli acquisti dei migliori giovani in circolazione. Sono arrivati il portoghese Joao Mario e Gabigol, uno dei migliori brasiliani in circolazione, per Gennaio i primi target sono Viktor Lindelof e Nelson Semedo, rispettivamente difesore centrale (’94) e terzino (’93) oltre all’olandese Riechedly Bazoer (Ajax, fedele di De Boer).

L’obiettivo stagionale è quello di entrare in UEFA Champions League, piazzarsi nei primi 3 posti in campionato per poter ottenere soldi freschi. IL FPF pesa ancora sulle casse del club nerazzurro che, nella figura di Zhang Jindong, ha promesso alle alte cariche UEFA (e anche qui, chi comanda?) di ridesignare il piano di pareggio di bilancio in vista del 2017. Aumenti di capitale, nuovi (ricchissimi) sponsor dalla Cina (si parla addirittura di 2/3 diversi) per le maglie d’allenamento e per la Pinetina e vendita di giocatori in Cina. Quest’ultima è anche malvista dall UEFA stessa, perchè acquirente e venditore sono gli stessi. Eppure, non c’è alcuna norma ufficiale che vieti questi trasferimenti. Risultato? tra 3 mesi, calciatori fuori dal progetto come Felipe Melo, Eder e Ranocchia potrebbero volare in Cina, alleggerendo le casse del club e rimpinguandole a cifre alte (ipervalutazione del giocatore).

Il potenziale economico di Suning è enorme. In un paio d’anni l’Inter potrà competere sul mercato (e anche sul campo) con Manchester City e PSG. E io spero di vedere ancora Frank De Boer su quella panchina, ma con giocatori adatti al suo stile di gioco. Non sarà di certo Pep Guardiola, ma anche l’attuale tecnico del City farebbe fatica a gestire la situazione che si è creata in casa nerazzurra. Quindi, niente accuse: serve solo tanto sostegno, duro lavoro e umiltà, vendere cara la pelle con chiunque.

Capello e Prandelli possono aspettare! Quello DeBoeriano non è transizione, è un progetto.

Articolo a cura di: Daniele Pagani

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...