INTER, PRONTI I BOTTI ANCHE PER GENNAIO

moro.jpg

I risultati non sono continui, ma l’impronta di Frank De Boer nel gioco nerazzurro è più che mai evidente. A Gennaio però, saranno utili dei nuovi rinforzi, specialmente in difesa, dove le lacune sono evidenti.

Basta guardare le statistiche: l’Inter è passata in vantaggio solo una volta, contro l’Empoli, su 9 partite disputate tra campionato e UEFA Europa League. In questo momento, gli unici marcatori della squadra sono stati Mauro Icardi e Ivan Perisic, poi un solo gol a testa per el tanguito Banega (contro la Roma) e Rodrigo Palacio (nella disfatta di Praga). In difesa non esistono delle alternative. Ansaldi, appena tornato dopo un mese di stop, è il titolare fisso e può giocare a destra, a sinistra ed al centro. Senna Miangue ha raccolto tanti consensi nell’ambiente nerazzurro. De Boer ha provato a recuperare Andrea Ranocchia, ma non c’è stato niente da fare, così come per Santon, Nagatomo e D’ambrosio. Marco Andreolli è stato recuperato dopo un lunghissimo stop (che ha compromesso, a ogni modo, il suo riscatto dal Siviglia). A Gennaio potrebbe arrivare il centrale del Benfica e della Svezia, Victor Lindelof, classe ’94. Il Benfica è stato appena denunciato dall’ex squadra del ragazzo, il Vasteras, per un mancato versamento di una cifra pari a 250mila euro ma chiede ben 25/30 milioni per il giocatore. Zhang Jindong ha fatto trapelare di essere pronto, a ogni modo, a spendere quella cifra per Lindelof. Kia Joorabchian, l’uomo che ha reso nerazzurro Joao Mario, sta già mediando per chiudere l’affare il prima possibile.

In difesa inoltre, potrebbero arrivare anche due nuovi terzini. I nomi sono tanti, ma c’è un favorito su tutti: Matteo Darmian. L’agente del ragazzo ha fatto sapere di aver parlato con i dirigenti interisti, soprattutto Piero Ausilio. José Mourinho lo ha escluso dai propri schemi ed è pronto a lasciarlo partire in caso di buone offerte. I Red Devils presero Darmian per ben 18 milioni di euro solo un’estate fa, dal Torino. L’Inter è disposta a proporre un prestito di tipo oneroso, con obbligo di riscatto intorno ai 15 milioni. L’alternativa è Semedo, sempre del Benfica ma ha una clausola di 45 milioni ed inoltre, dovrebbe adattarsi alla Serie A. Le trattative parallele a Darmian che l’Inter manda avanti sono quelle per Aleix Vidal, oramai escluso dai piani del Barcellona di Luis Enrique, e Stephan Lichtsteiner, in scadenza con la Juventus. Sempre sotto la lente d’ingrandimento Conti dell’Atalanta.

A centrocampo, i giocatori in uscita sono sostanzialmente due: Marcelo Brozovic e Felipe Melo. Il croato vive da separato in casa dopo le strigliate di De Boer e Ausilio. Il rinnovo di contratto è congelato ed il giocatore viene monitorato da Milan, Arsenal, Chelsea e Spurs (con il Tottenham si parlò di uno scambio con Vertonghen). Il Chelsea potrebbe offrire il cartellino di Cesc Fabregas, ma l’Inter sembra voler soldi cash da poter reinvestire. Primo nome per sostituire EpicBrozo è Riechedly Bazoer, il fedelissimo classe ’95 di De Boer, ma potrebbe non essere l’unico: in Belgio parlano di un Piero Ausilio pronto a lottare fino alla fine per il cartellino di Youri Tielemans, enfant prodige classe ’97 dell’Anderlecht. Sembra vicinissimo Leonardo Morosini, che verrà acquistato per 4 milioni nel mercato invernale e diventerà il vice Banega nel mese di Giugno, a meno che non resti un’altra stagione in quel di Brescia. Vengono tenuti d’occhio i profili di Valerio Verre (c’è un opzione) e Viviani del Bologna.

Tra Gennaio e Giugno, nel reparto offensivo diranno addio Jovetic, Eder, Palacio e Biabiany. Resteranno Mauro Icardi, Ivan Perisic ed Antonio Candreva. Il vice Perisic dovrebbe essere il talentuoso Gianluca Caprari, che tanto bene sta facendo a Pescara. Occhio al vice-Icardi: Roger Martinéz del Jiangsu, preso apposta per l’Inter, potrebbe ricoprire quel ruolo, anche se il vice-presidente Zanetti va matto per Alario del River, che ha una clausola rescissoria che si aggira intorno ai 18 milioni. Il vice Candreva chi sarà? Tre i nomi: Domenico Berardi del Sassuolo (piace a Suning), Federico Bernardeschi (è il pupillo di Ausilio) ed infine, Keita Baldé Diao della Lazio (il più low cost) Per Gennaio sono stati bloccati Julian Illanés Minucci dell’Instituto de Cordoba, che l’Inter sembra aver acquistato per 1 milione di dollari, e Marcelo Saracchi, terzino classe 1997 del Penarol. Il giocatore diventerà subito nerazzurro a Gennaio se otterrà il passaporto italiano (diventando comunitario) ed è stato bloccato grazie alla mediazione di Alvaro Recoba.

Occhio anche alla questione portiere: Samir Handanovic potrebbe restare anche nel 17/18 e il suo vice, nonché futuro sostituto nel giro di un anno, potrebbe essere Mattia Perin. Terzo dovrebbe restare Ionut Radu, che nel giro di un anno potrebbe diventare il vice-Perin, dopo l’addio di Handanovic.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...