TIMO WERNER, UNA MINIERA DI GOL PER IL LIPSIA

werner.jpg

NOME E COGNOME: Timo Werner

ANNO DI NASCITA: 1996

RUOLO: punta centrale, all’occorrenza seconda punta

NAZIONE: Germania

PIEDE: destro

FISICO: 180 cm x 75 kg

E’ stato l’uomo in più del RB Lipsia in questo girone d’andata in Bundesliga, Timo Werner, nato a Stoccarda, nel Marzo del 1996. Numero 11 sulle spalle e tanta fame di vittorie. Forse è stato proprio questo che, all’inizio di questa stagione, ha convinto i dirigenti del Lipsia a prelevarlo per 10 milioni di euro dallo Stoccarda, retrocesso in Zweite Bundesliga. Proprio questo trasferimento ha portato diversi tifosi, non solo dello Stoccarda, ma di tutti i club storici di Bundes, a contestare il ragazzo. Il Lipsia, come vi avevamo detto in vecchia data, è odiato dai sostenitori dei vari club di Bundes, attaccati alla tradizione storica in modo maniacale. Chi basa tutto sul denaro non è ben accetto.

In effetti, la retrocessione dello Stoccarda (uno di quei club storici) e la promozione del club con sede a Lipsia, nell’est della Germania, non è stata affatto vista di buon occhio. Gelosia? Chi lo sa. Eppure, il progetto Lipsia non si basa sullo spendere e spandere tipico del PSG o del Manchester City, ma sul reclutamento tutti i migliori giovani calciatori della Germania. L’obiettivo è scalzare le società che da anni dominano la scena nel calcio teutonico: il BvB e il Leverkusen, ma soprattutto il Bayern Monaco (visto il crollo di Schalke/Wolfsburg). Timo Werner, insieme ad altri 5 o 6 giocatori, viene considerato la solida base da cui partire con il fine costruire una super squadra.

Werner ha iniziato a giocare a pallone quand’era ancora un bambino, nello Steinhaldenfeld TSV. Nel 2002, a soli 6 anni, viene prelevato proprio dallo Stoccarda, che lo cresce nella sua cantera, fino al 2013, che sarà l’anno del ‘grande salto’. L’esordio ufficiale con la maglia degli Schwaben arriva prestissimo: a 17 anni e 25 giorni, ed avviene nelle gare di qualificazione per la UEFA Champions League 13/14, contro la squadra bulgara PFC Botev Plovdiv. Il primo match giocato rappresenta anche l’abbattimento di un record: Werner diventa il più giovane esordiente della storia dello Stoccarda.La prima gara in Bundesliga avviene il 17 Agosto, contro il Bayer Leverkusen, mentre la sua prima rete è arrivata contro l’Eintracht Francoforte, un mese dopo. A Novembre, Werner è già al centro delle voci di mercato, con le big tedesche pronte a rilevare il suo cartellino. Lui continua a giocare in modo ottimo, diventando anche il più giovane giocatore della Bundes a segnare una doppietta in gare ufficiali (contro il Friburgo, segnò il 2-0 ed il 3-1 definitivo).

Chiude la prima stagione con un bottino di 34 presenze e 4 gol. Lo Stoccarda, consapevole di avere in casa un potenziale campione, decide di blindarlo, facendolo rinnovare fino al 2018. Le due stagioni successive sembrano una fotocopia della prima, con una grande costanza di rendimento: nel 14/15 colleziona 33 presenze e 3 gol, nel 15/16 invece, 37 presenze e 7 reti. Le sue 7 marcature non bastano allo Stoccarda per centrale la salvezza: i Roten scendono in Zweite Bundesliga. Quale migliore occasione per acquistarlo? Ci provano tutti, ma ci riesce solo il Lipsia, che lo strappa alla concorrenza per 10 milioni di euro (la cifra più alta che sia stata mai sborsata dal club per un giocatore). In questa Bundes sorprendente, con il Lipsia in zona Champions, Werner sta trovando la via della rete molto spesso. Infatti ha già superato le 7 marcature dello scorso anno. C’è chi lo ha già etichettato come un vero e proprio predestinato del calcio tedesco, con un futuro in una big ed un posto assicurato in nazionale. Come al solito, solo il tempo potrà dirlo.

Werner, a partire dall’under 15 ha fatto parte di tutte le selezioni giovanili tedeshe. Ora fa parte dell’under 21 di Horst Hrubesch, ex giocatore di Amburgo e BvB. L’exploit è arrivato però, nell’under 17 (2012/2013), selezione con cui Werner ha messo insieme 18 presenze e 16 gol. Joachim Low, nonostante l’ampia disponibilità nel reparto offensivo, sta valutando di convocarlo per le prossime gare.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

Punta centrale o all’occorrenza seconda punta, Werner è stato accostato più di una volta al leggendario Miroslav Klose, ex punta di Werder Brema, Bayern Monaco e Lazio. Eppure, ha delle caratteristiche differenti: ha un gran fiuto del gol, ottime capacità d’inserimento alle spalle dei difensori ed… una velocità di passo assurda: ad esempio, fa i 100 metri in appena 11 secondi. E’ un ragazzo tranquillo, dentro e fuori dal campo. E’ maturo tatticamente ed è in possesso di un destro molto educato, che gli permette di realizzare reti complicate. Gli è stato conferito il premio Fritz Walter, forse il più importante riconoscimento per i giovani calciatori della Bundesliga.

Articolo a cura di: Daniele Pagani

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...