LA VIE C’EST FANTASTIQUE QUANDO SEGNA… PATRICK SCHICK

schick.jpg

NOME E COGNOME: Patrik Schick

ANNO DI NASCITA: 1996

RUOLO: punta centrale

NAZIONE: Repubblica Ceca

PIEDE: sinistro

FISICO: 186 cm x 73 kg

Non c’è più alcun dubbio. Dalle parti di Genova, sponda blucerchiata, c’è un nuovo idolo: 20 presenze, 7 gol ed 1 assist tra Serie A e Coppa Italia. Ecco le statistiche di Patrik Schick, attaccante classe ’96 della Sampdoria di Marco Giampaolo e militante nella nazionale ceca. Del resto, la società attualmente detenuta dall’assai estroverso patron Massimo Ferrero, ha sempre avuto un’ottima tradizione di attaccanti, anche nelle stagioni più difficili dal punto di vista del piazzamento. Questo ragazzotto di 186 centimetri è stato scippato nella scorsa sessione di mercato estivo alla concorrenza della Roma di Luciano Spalletti, che ne aveva caldeggiato l’acquisto su consiglio dell’ex DS capitolino Walter Sabatini. Nulla da fare: l’offerta da 4 milioni di euro della Samp ha fatto crollare anche le ultime barriere erette dallo Sparta Praga, che ha opposto fino all’ultimo una disperata e strenua resistenza al fine di trattenere il giocatore almeno per un’altra stagione.

Schick è nato e cresciuto a Praga, ha sempre sognato di giocare per lo Sparta. E lo ha fatto, seppur per poco tempo. Del resto però, quando dall’altra parte della cornetta ti viene offerta la possibilità di giocare in uno dei campionati più importanti del Vecchio Continente, c’è davvero poco da riflettere. Anzi, rifiutare diventa un opzione pressoché impossibile. La sua carriera giovanile è sempre stata caratterizzata da un solo colore: il granata del suo Sparta. Con la maglia dei Zeleznà Sparta (“Sparta di Ferro”), Schick ha affrontato un processo di crescita graduale: ha esordito a 18 anni in Pohàr CMFS (la coppa nazionale ceca) contro lo Joblonec, nell’Aprile 2014, mentre l’esordio in campionato è arrivato nel mese di Maggio. Il primo gol invece, a Novembre e sempre in coppa, contro l’FK Pribram. Infine, a Dicembre è arrivato anche l’esordio in UEFA Europa League, nella sconfitta contro gli svizzeri dello Young Boys (2-0).

Nella scorsa stagione, dopo 10 gare e 1 rete con lo Sparta, è stato mandato a farsi le ossa in prestito, accettando l’offerta dell’antichissimo Bohemians Praga 1905, anch’esso club di massima serie del football ceco. Qui Patrik ha dato il meglio di sé totalizzando all’attivo 28 presenze, 7 gol ed 1 assist. Buone statistiche, che il ragazzo è già riuscito ad eguagliare proprio quest’anno con la maglia della Samp, tanto per far capire quanto la sua crescita sia costante e quanto essa proceda spedita. Schick ha iniziato molto presto anche la sua avventura con le giovanili della nazionale ceca: nel 2011 è arrivato l’esordio in under-16, ma dopo due presenze è arrivata l’mmediata (e meritata) convocazione con l’under-17, con la quale ha messo insieme 11 gettoni e 7 reti. Infine è arrivata anche la definitiva consacrazione a livello giovanile, prima con la Repubblica Ceca under-19 (15 presenze e 7 gol), poi con l’under-21 (10 gol in 9 partite). Di fronte a certi numeri, neanche i selezionatori della Nazionale maggiore hanno resistito, e Schick ha esordito, peraltro segnando il gol del definitivo 6-0 contro Malta, nel Maggio 2016. La prossima estate sarà davvero infuocata per Ferrero e il suo braccio destro Romei, che potrebbero cedere dinnanzi ad una ricca offerta per il giocatore. Al momento, il club più interessato al ragazzo è l’Inter targata Suning, che è alla ricerca di un giovane vice per Mauro Icardi. I tifosi della Doria tuttavia, vorrebbero vedere il ragazzo in blucerchiato almeno per un’altra stagione, ma non è da escludere che, in caso di acquisto nell’immediato da parte del club nerazzurro, il giocatore possa restare a Genova per un’altra stagione, ovviamente in prestito.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

Punta centrale di ruolo, Schick è perfetto per qualunque tipo di schema. La sua qualità principale è sicuramente il gioco aereo, dove risulta spesso un pericolo per le difese avversarie, soprattutto quando taglia sul primo palo nel tentativo di bruciare i difensori avversari. Nonostante l’altezza, è anche discretamente veloce in relazione al suo fisico ed è molto bravo a svariare su tutto il fronte offensivo per non dare punti di riferimento ai suoi avversari. Sa difendere molto bene il pallone, giocando da vera e propria boa, e non disdegna il lavoro sporco e il gioco di sponda per gli inserimenti in zona-gol dei compagni di squadra. Tuttavia, non bisogna farsi ingannare dalle sue caratteristiche fisiche: Schick non è il classico ariete offensivo, ma è in possesso di un buon sinistro, una discreta base tecnica e un buon tiro, secco e preciso. Difficilmente cerca giocate inutili ai fini del gioco della squadra, tutt’altro: il ragazzo solitamente cerca sempre la soluzione più intelligente a seconda delle diverse situazioni di gioco. L’Inter farebbe sicuramente un ottimo acquisto prelevandolo dalla Sampdoria, ma in ogni caso il ragazzo ha bisogno di minuti nelle gambe ed il ruolo di vice-Icardi, almeno per il momento non gli si addice. Deve avere la possibilità di giocare con continuità per esprimere tutto il suo talento ed il suo potenziale sotto il profilo della vena realizzativa.

Articolo a cura di Daniele Pagani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...