LE CLASSIQUE: OM VS PSG, UNA SFIDA CHE INFIAMMA TUTTA LA FRANCIA!

psgom

All’interno del nostro percorso tra le rivalità calcistiche che animano il nostro amato calcio, oggi ci addentriamo in una delle sfide che ogni anno riscalda un intero paese, portando al confronto due delle più grandi città della Francia.

Parliamo di Le Classique: Paris Saint-Germain contro Olympique de Marseille.

Marsiglia e Parigi sono due città profondamente diverse, rappresentano il Sud ed il Nord del paese, e le loro differenze si manifestano anche nella lingua. Nella città provenzale l’accento è grezzo e lento mentre nella capitale la cadenza è veloce ed elegante.Marsiglia è una città multietnica, caotica e molto festosa mentre Parigi è la capitale, snob e aristocratica.

La sfida non è quindi solo ed esclusivamente calcistica, ma come ogni derby nazionale (e non) ha sempre radici storiche ed in questo caso anche geografico- politiche  e culturali, spesso però la rivalità è andata oltre al rettangolo verde con scontri molto violenti tra due tra delle tifoserie più calde e violente di tutta la Francia.

LA STORIA

images

L’Olympique de Marseille (OM) o meglio noto nella nostra nazione come Marsiglia fu fondata nel 1899 da un assicuratore francese. Gioca le partite casalinghe allo stadio Vèlodrome, impianto recentemente ristrutturato in occasione di EURO 2016 che può contenere fino a 60 mila spettatori.

E’ una società storica del calcio francese, che però fino agli anni ’80 non si contraddistinse per la vittoria di titoli e trofei nazionali.

La svolta avvenne nel 1986 quando la società fu acquistato da Bernard Tapiè noto miliardario francese e politico appartenente al partito socialista francese.

Tapiè investì moltissimo nell’OM portando in Provenza calciatori di calibro mondiale come Papin, Abedi Pelè, Enzo Francescoli e Deschamps. Grazie all’impegno del proprio presidente l’OM riuscì ad affermarsi come massima potenza del calcio francese, riuscendo anche a conquistare due finali di Champions League, una persa nel 1991 e una vinta ai danni del Milan nel 1993.

In seguito a quella vittoria l’OM visse momenti molto difficili in seguito a uno scandalo di corruzione che coinvolse molti tesserati che portò all’esclusione dalla Coppa Intercontinentale e nel 1993-94 e alla retrocessione a causa del coinvolgimento del suo presidente.

Nel 1996 grazie al nuovo presidente Robert Louis-Dreyfus, nonché proprietario dell’Adidas, iniziò la risalita ritornando nel massimo campionato francese e riuscendo a riproporsi ad alti livelli nel calcio francese e in parte anche in quello europeo.

om-psg

Il Paris Saint-Germain FC è una squadra relativamente “giovane” infatti fu fondata nel 1970 dalla fusione di due club della capitale, il Paris FC e il Saint-Germain-en-Laye. Il primo presidente della società parigina fu Daniel Hetcher (stilista e imprenditore francese) a capo di un gruppo di soci che grazie a giusti investimenti riuscì a portare il PSG nel 1974 a disputare massimo campionato francese.

A partire da quell’anno la società parigina ha sempre disputato la Ligue 1 senza mai retrocedere.

Hetcher inoltre collaborò alla creazione della divisa che tutt’ora caratterizza il PSG, alla creazione del logo e sotto la sua gestione il club iniziò a disputare le partite casalinghe al Parc Des Princes che può contenere fino a 48mila persone ed è tutt’ora lo stadio del club.

In seguito a problemi finanziari Hetcher fu costretto ad abbandonare il club, ed il suo successore fu Francis Borelli che guidò il club per 13 anni portandolo a conquistare i primi titoli. Nel 1991 Borelli dovette abbandonare la presidenza della società, che fu acquistata dall’emittente televisiva Canal+, che investì molto per sconfiggere lo strapotere dell’OM.

E’ proprio questo il motivo che infiammò l’odio tra le due società, in pochi anni il club parigino raggiunse i livelli calcistici ed economici dell’OM.

Questo episodio fu la goccia che fece traboccare il vaso, e trasformò PSG-OM in Le Classique.

Inevitabilmente i rapporti tra le due tifoserie si irrigidirono in maniera drastica e l’astio tra le due fazioni si alimentò a tal punto da sfociare in scontri violenti. Tantissimi sono stati gli episodi “neri” che hanno preso il posto della cronaca di campo.

Come accadde l’11 aprile del 1995 in occasione della semifinale valida per la conquista della Coppa di Francia nella quale in seguito agli scontri tra supporters vengono arrestate 146 persone e 9 poliziotti furono feriti. Numerosi furono gli incontri soprattutto nei primi anni del ventunesimo secolo in cui si verificarono scontri e arresti da parte della polizia francese.

Ma l’apice della violenza si manifestò nel febbraio del 2010 quando in seguito ai “classici” tafferugli tra le due tifoserie, venne colpito un giovane supporters parigino appartenente al gruppo dei Boulogne Boys il quale entrò in coma e pochi mesi dopo morì.

Per comprendere ulteriormente quanto questa rivalità sia sentita, celebre è l’episodio dell’esultanza del grandissimo Didier Drogba in un PSG-Chelsea di Champions League nel settembre 2004, quando l’ivoriano, insultato dai supporters parigini per tutta la partita proprio per il suo passato nell’OM segnò ed urlò in faccia alla curva parigina “Allez l’OM!”.

Tutto questo è Le Classique: la sfida tra due superpotenze dal calcio francese, e la loro perenne volontà di essere più forte e potente dell’altra.

IL PSG OGGI: Nel 2011 la Qatar Investement Autority acquistò il club parigino investendo moltissimo per portare il PSG ai vertici del calcio francese e soprattutto di quello europeo.

La nuova proprietà ha acquistato numerosi giocatori di calibro mondiale, spesso con investimenti esagerati, come Zlatan Ibrahimovic, Thiago Silva, Angel Di Maria, Lucas Moura, Marco Verrati e tanti altri.

Nonostante questi ingenti investimenti il PSG non è ancora riuscito ad affermarsi come grande potenza del calcio europeo riuscendo solo a dominare la Ligue 1 conquistando 4 titoli consecutivamente dalla stagione 2012-2013 fino a quella attuale, ma questo impegno ha comunque permesso al club di crescere tantissimo dal punto di vista non solo calcistico ma anche strutturale e commerciale.

« Lavoreremo nel corso degli anni per fare del Psg una grande squadra e anche un marchio forte sulla scena internazionale. »

(Nasser Al-Khelaïfi durante l’acquisto del Paris SG)

L’OM OGGI: Negli ultimi anni l’OM non è riuscito ad essere all’altezza degli eterni rivali, disputando stagioni mediocri e senza essere in grado di lottare per la conquista del titolo, tranne nella stagione 2010-11 quando riuscì a classificarsi secondo dietro al Montpellier e a conquistare la qualificazione in Champions League e la Supercoppa di Francia.

Nella stagione 2012-12 riuscì a conquistare la terza Coppa di Lega Francese e a qualificarsi all’Europa League nonostante una stagione conclusa con il decimo posto.

Negli ultimi anni alla guida del club si sono alternati numerosi allenatori, uno di questi è “Il Loco” Marcelo Bielsa, anch’esso però incapace di riportare il titolo in Provenza nonostante sia stato in grado di esprimere un calcio molto divertente con il suo utopico 3-3-3-1, che vedeva protagonisti giocatori che successivamente vennero ceduti a club prestigiosi come Payet, Lemina, Imbula e Thauvin.

                                                      

                                                Articolo a cura di Federico Bottara

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...