ATLETICO, PER ROMPERE LA MALEDIZIONE

18034933_1719218491427434_1253175632_n
Antoine Griezmann – “Le petite diable” (152 partite, 81 gol)

Oh, Atletico mio. Quant’è difficile scrivere questo articolo, specialmente dopo aver seguito i sorteggi con la stessa attenzione con la quale mia nonna mi osserva a pranzo. Io non ci credo, ancora loro! C’è nuovamente (per l’ennesima volta) il Real Madrid di Zinedine Zidane sulla strada dei ragazzi del Cholo Simeone. I Blancos sono una maledizione che va per forza di cose spezzata. Due finali in tre anni. Entrambe perse. Maldición Galacticos in tutti i sensi. Il Real, per lo sfortunato Atletì, è diventato una sentenza in stile Bela Guttmann-Benfica-Coppe europee. Tuttavia le maledizioni sono fatte per essere spezzate, e anche questa volta sono convinto che i Colchoneros venderanno davvero cara la pellaccia contro gli odiati cugini. E in particolare uno di loro, un ragazzo francese, che desidera ardentemente prendersi una rivincita contro un fenomeno portoghese.

IL PERCORSO

L’Atletico si è trovato dinnanzi ad un girone che recitava tra le righe: “Sì, c’è il Bayern di Ancelotti, che non vi evoca proprio bei ricordi, ma tanto passate lo stesso”. All’inizio tre 1-0 consecutivi. Cholismo style in tutti i sensi, dal Bayern al Rostov nessuna eccezione. “Non importa se sei più forte o più debole, noi vinceremo comunque 1-0”. L’efficacia ed il cinismo contano eccome. Dopo il 2-1 al Rostov e il 2-0 al PSV nella cornice del Calderon, è arrivata la prima e unica sconfitta della fase a gironi: 1-0 di misura all’Allianz Arena, che già non è male (chiedete maggiori info all’Arsenal). Agli ottavi, udite udite, l’Atletì ha deciso di farne addirittura 4 alla BayArena, come per dire: “Avete visto? Siamo in grado pure noi di fare tanti gol, e anche di subirne (2)”. La preoccupazione per questo repentino cambio di mentalità è scemata dopo lo scialbo 0-0 casalingo contro i tedeschi. Il Leicester City di Shakespeare invece, è stato un avversario ben più ostico. Tanto vale, la banda rojoblanca del Cholo se l’è cavata grazie alla solita vittoria casalinga (1-0, ma che ve lo dico a fare!?) e al pareggio (1-1) del King Power Stadium.

LA SQUADRA

Insomma, che cosa dovrei raccontarvi? Ormai conosciamo a memoria lo stile di gioco di Simeone. Pura e semplice garra charruà, corroborata dall’immenso e cristallino talento di alcuni singoli, Antoine Griezmann su tutti. Godin dietro rasenta la perfezione del centrale difensivo: (buon) sangue uruguayano non mente, anche se molto spesso è quello degli altri. Gimenez è sicuramente un ottimo allievo. Poi Savic, e con lui i soliti e immancabili Juanfran e Felipe Luis. A centrocampo spazio a polmoni e talento, ma parliamo sempre dei soliti noti: Saul Ñiguez, Koke, l’intramontabile Gabi e l’estroso Ferreira Carrasco. Infine Griezmann, le petit diable, come vero e proprio terminale offensivo. Il francese ha l’innata capacità, nei panni della prima punta, di non dare alcun punto di riferimento ai difensori. La “sua” annata (si spera) dev’essere per forza di cose “quella buona”. Si troverà di fronte Cristiano Ronaldo, che la scorsa stagione gli ha portato via tutto, prima la Champions e poi l’Europeo. La voglia di rivalsa deve fare la differenza, per consacrarsi definitivamente. Anche le riserve non sono niente male: si parte dal tuttofare Nico Gaitan, che per lo stile di Simeone rappresenta la perfezione, El Niño Torres, Kevin Gameiro, Angel Correa e Lucas Hernandéz su tutti. Insomma, l’Atletì ha tutte le carte in regola per arrivare in fondo alla massima competizione europea, sperando che la terza (ipotetica) finale sia quella buona per alzare la coppa. Lo desidera ardentemente Simeone, e Griezmann con lui. La maledizione dev’essere cancellata, una volta per tutte.

Articolo a cura di Daniele Pagani

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...