MOISE KEAN: ANALISI DI UN TORMENTONE

Moise_Kean_-_2015_-_Juventus_FC_(youth_team)

NOME E COGNOME: Moise Bioty Kean

ANNO DI NASCITA: 2000

RUOLO: Attaccante

NAZIONE: Italia

PIEDE: Destro

FISICO: 182 cm x 72 kg

Moise Kean ormai, nonostante sia un classe 2000, non è più una clamorosa sorpresa del vivaio bianconero. Questo giovanissimo è stato un prodigio, aspettato da molti, e che sia chiaro: c’è ancora da aspettare, però di sicuro il talento non manca e il “ragazzino” ci sa fare. Soprattutto se si tratta di fare gol: 11 gol in 13 partite con la Juve primavera, più 5 assist giusto per non farsi mancare nulla. Con la squadra maggiore poco spazio, ma tanti occhi puntati addosso, soprattutto dopo quell’esordio da record: primo giocatore nato nel terzo millennio ad esordire nei 5 top campionati europei (record che bisserà in Champions). E questo non è l’unico record detenuto dal giovane Moise: il gol contro il Bologna all’ultima giornata è stato il primo di un classe 2000, record che però è durato poco meno di 24 ore battuto dal giovanissimo Pellegri del Genoa, classe 2001.

Tuttavia, come giusto che sia, non è tutto oro quel che brilla e quindi qui più che un analisi dettagliata di Moise Kean, che tutti voi ormai conoscerete e sarete (giustamente) pronti a idolatrare tra qualche anno, vorrei proporre una riflessione semiseria su Kean. Kean è molto bravo, non c’è dubbio. La Juve è molto forte, anche qui no doubts. MA: quanto il fatto che la Juve, già campione d’Italia, a Bologna abbia messo in mostra il giovane nativo di Vercelli, e quest’ultimo abbia segnato all’ultima giornata di campionato inciderà sulla carriera del sopracitato? Forse molto, forse molto poco. Secondo il sottoscritto l’ultima delle ipotesi. Non voglio fare quello che va contro Kean perché Kean è forte e piace a tutti, mi limiterò a interpretare il ruolo di quello che “odia” i sopravvalutati e i giocatori che fanno 1 gol all’esordio e allora avranno lo sconto a vita sulle occasioni sprecate. Qui mi viene in aiuto un certo Mario Balotelli, idolo di Moise e da lui citato con la primavera (“Why always me?”). Il buon Marione, dopo due ottimi anni all’Inter del triplete, sfumò piano piano tra Manchester City, Liverpool, Milan e Nizza, con solo degli sprazzi di quello che era il suo enorme talento. Ora, Balotelli è sicuramente un caso estremo, ma sia dal punto di vista del talento individuale che da quello di buttare le occasioni come cartacce nel cestino. Venendo più al succo quello che voglio dire è: ho visto tifosi (che stento a chiamare così) bianconeri affermare con fierezza che “Keane meglio di Pjaca perché più giovane, più gol e più bello”. Non esattamente. Pjaca ha avuto un percorso completamente diverso da quello di Keane e la sua la possiamo definire come una stagione di ambientamento, mentre per il piccolo bomber juventino siamo al preambolo dell’introduzione, a una sorta di pre-pre-serata per intenderci. Con tutta probabilità, con il rinnovo di contratto imminente, Keane lascerà la Juve in prestito e quella sarà la sua vera rampa di lancio, tenendo sempre conto che l’anno prossimo avrà 18 anni, non 28. Non è un giocatore fatto e finito adesso e non lo sarà l’anno prossimo, avrà dei periodi più che buoni? Sì. Saprà trovare continuità a questi periodi? Questo lo scopriremo solo vivendo purtroppo o per fortuna.

Ora meglio fare i seri sennò rischio il licenziamento quindi eccovi qualcosa che (forse) non sapevate su Keane.

Moise Keane nasce a Vercelli da genitori ivoriani, è di cittadinanza italiana e prima di approdare nelle giovanili della Juve giocava in quelle del Torino.

Dimenticavo, il suo procuratore è Mino Raiola, preparatevi a ballare dunque tifosi juventini perché, e questo è sicuro, con quel talento e questo procuratore ci sarà da divertirsi.

Non me ne voglia Moise se non ho fatto la scheda tecnica uguale a quella di tutti gli altri giovani talenti (o presunti tali) che trattiamo, ma se c’è una cosa che ho capito su di lui è che non è come tutti gli altri. Sbaglierò?

Articolo a cura di Luca Pesenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...