ENGLAND AND SCOTLAND, NEVER EQUAL

england scotland vector.jpg
Immagine a cura di Galufo Vector Art https://www.instagram.com/galufo_vector_art/?hl=it – https://www.facebook.com/Galufo/?fref=mentions )

La Union Jack è la bandiera e il simbolo del Regno Unito, stato che comprende Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

Sotto questo simbolo si cela una rivalità che dura da secoli, una rivalità che rappresenta le diversità tra Scozia e Inghilterra che ovviamente coinvolge le due nazionali di calcio.

Scozzesi e Inglesi l’unica cosa che condividono è appunto la Union Jack e la passione viscerale per il football, ed essendo le due nazionali le più antiche del mondo non possono far altre che mettere in scena il derby tra nazionali più antico del mondo.

La diversità e le due differenti culture sono alla base della rivalità, Scozia e Inghilterra sono profondamente diverse, sono due caratteri, due modi di vivere e due modi opposti di vedere se stessi e il mondo.

All’interno del Regno Unito l’Inghilterra nel corso della storia ha sempre avuto e mantenuto un ruolo di primo piano nelle relazioni di potere fra gli stati che ha sempre cercato di imporre la propria volontà sulle altre nazioni. La Scozia in questo contesto ha da sempre cercato di rivendicare le proprie differenze culturali impegnandosi affinché esse rimassero vive nel cuore di tutti gli scozzesi.

 

Queste differenze si possono riscontrare nella vita quotidiana scozzese, a partire dalla lingua sino ad arrivare al calcio e chiunque sia stato in Scozia comprende quanta diversità ci sia, e perchè uno scozzese non potrà mai esser uguale ad inglese. Gli scozzesi vengono uniti sotto le note del “Flower of Scotland” cantato a squarciagola da tutto lo stadio, e hanno spesso fischiato l’inno inglese che anch’esso è simbolo del nazionalismo inglese, il “God Save the Queen”.

Analizzando i simboli delle due squadre è possibile notare questa alterità.

La Scozia da sempre indossa una maglia caratterizzata dall’utilizzo di una varietà di blu tipica della nazione, il blu di Scozia presente anche nella bandiera. Il simbolo della federazione scozzese è una  combinazione di vari simboli nazionali: uno scudo con un leone che richiama lo Stemma Reale di Scozia, decorato da molte piante di cardo, il fiore ufficiale della nazione.

L’Inghilterra da sempre si contraddistingue per la divisa che riprende i colori della bandiera. Infatti essa è total white con spesso inserti rossi. Il simbolo sulla divisa, quello della FA, ed è uno scudo bianco con bordatura blu scuro, con all’interno i tre leoni d’Inghilterra e le rose rosse tipiche della dinastia Tudor anch’esso volto a riprendere la storia della nazione.

Nel palmares si può forse ritrovare quella differenza di potere dello United Kingdom tra le due nazioni, infatti la Scozia da sempre surrogata all’Inghilterra non ha mai vinto nulla, mentre gli inglesi hanno vinto un Mondiale nel 1966.

La rivalità si definisce la più antica del mondo perché il primo match ufficiale tra le due nazionali di giocò ben 145 anni fa.

sco.jpg
Photo by Sportellate

Siamo nel 1872 e a Glasgow, più precisamente a Hamilton Crescent in un campo da cricket adattato per l’occasione a rettangolo verde da football va in scena il primo Scozia-Inghilterra.

Il match finì 0-0 e da quel giorno si sono giocati 112 derby con 46 vittorie dell’Inghilterra e 41 della Scozia.

Nonostante la storia e il ranking sembrano condannare la Scozia ad un destino negativo nella sfida, spesso è invece accaduto il contrario, perché come tutti sappiamo il calcio non è una scienza esatta e perché gli scozzesi vivono questo match come se fosse sempre l’ultimo, vincere è l’unica cosa che conta e gli inglesi sono sempre mossi dalla volontà di far tornare i nemici a casa piangendo.

“A noi piace vederli perdere, ci godiamo proprio. I loro fallimenti sono una gioia per noi, ma del resto è così che funziona da queste parti.”

Kevin Davies, ex calciatore della nazionale inglese.

Negli anni ‘70 l’ascesa del nazionalismo scozzese inasprì la rivalità e la volontà di sconfiggere i nemici. L’apice sportivo si raggiunse il 4 giugno del 1977 quando a Wembley va nuovamente in scena il derby valido questa volta per l’Home Championship, torneo in cui annualmente si sfidavano le quattro federazioni britanniche. Londra venne letteralmente invasa da una marea di tifosi scozzesi che cantando “Flower of Scotland” e impugnando birre e bandiere si impossessarono festosamente di Trafalgar Square, prima di occupare buona parte dello stadio di Wembley.

wembley.jpg
Photo by Avvenire

La Scozia riuscì a vincere dopo anni e anni in terra nemica guidata dalla reti di McQueen e Dalglish, vittoria che scatenò la gioia di tifosi scozzesi che accompagnati da un alto tasso alcolico invasero il campo di Wembley cantando: “Dateci il Parlamento e vi restituiremo Wembley”, coro che riassume con ironia la diversità tra questi due popoli.

Da ricordare fu la sfida del 1996 svoltasi all’interno dell’Europeo organizzato in terra inglese. La vittoria fu degli inglesi grazie alle marcature di Alan Shearer e di “Gazza” Gascoigne il quale fece un grandissimo gol siglando il due a zero e scacciando tutte le critiche rivolte a lui con un esultanza polemica che simulava una bevuta tra amici in cui Gazza era stato il protagonista e per la quale si era guadagnato le prime pagine dei tabloid. Decisivo in quel match fu anche il portierone Seaman che parò il rigore del possibile 1-1 scozzese.

Fu così vendicata la dolorosa sconfitta del lontano 1977.

1280070-maxw-654.jpg
Photo by Fox Sports

Scozia contro Inghilterra non è mai una semplice sfida, è la rappresentazione calcistica di tutte le differenze tra due popoli uniti sotto la Union Jack, è il momento nel quale le due culture possono incontrarsi  e sfidarsi tentando di rivendicare la propria identità attraverso una vittoria che, anche se teoricamente vale solo per le statistiche, per i due popoli vale qualcosa di più ed è per questo che il derby più antico del mondo è sempre così affascinante e pieno di agonismo!

 

                                             Articolo a cura di Federico Bottara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...