YANN KARAMOH, FLECHE DU MALHERBE

NOME E COGNOME: Yann Karamoh

ANNO DI NASCITA: 1998

RUOLO: ala destra, ala sinistra, punta centrale

NAZIONE: Francia

PIEDE: destro

FISICO: 185 cm x 77 kg

Di Caen dicono sia la città della pace, dove la vita culturale – tra arte, storia, teatro e tradizione grastronomica – si mescola con i meravigliosi paesaggi naturali. State lì seduti al ristorante, magari sul porto, sorseggiando un bicchiere di Calvados, che per essere onesti di gradazione alcolica ne ha poca poca, dopo aver gustato un piatto di Saint Jacques gratinate, e intanto state già pensando a cosa fare dopo. A Luglio le opzioni non mancano, ma un giro al Retròfestival nel pomeriggio, seguito dal ritmo pop-rock del Beauregard in serata, sono una tappa quasi obbligatoria. E ovviamente, in tutto questo girovagare turistico, non può mancare una piccola visita allo stadio Michel d’Ornano, fondato nel 1993, meglio conosciuto come stadio Malherbe, in onore dell’omonimo François, poeta di nobili origini della corte di Enrico IV.

É proprio lì, che uno dei talenti più in voga del momento, ha trovato terreno fertile per la propria crescita calcistica. Ovviamente stiamo parlando di Yann Karamoh, giovane attaccante esterno classe 1998 del Caen, alias l’under-20 più utilizzato d’Europa. Un po’ come se in una città già intrigante e meravigliosa di per sé, anche allo stadio volessero aggiungere la ciliegina sulla torta. Nato a Adidjan, in Costa d’Avorio, la sua precoce carriera calcistica è iniziata dai sobborghi di Parigi, e più precisamente dal Racing Colombes 92, per poi trasferirsi nell’academy del Caen nel 2011, a 13 anni. Dopo tutta la trafile giovanile con il club della Basse-Normandie, nella stagione appena terminata, è arrivato il primo exploit calcistico del giovane Karamoh, che ha messo insieme ben 36 presenze tra Ligue 1 e Coupe de France, impreziosite da 5 gol e 4 assist.

La Fléche du Malherbe, come l’hanno soprannominato i tifosi, ha fatto anche tutta la trafila nelle nazionali giovanili francesi, raccogliendo – tra under-16 e under-21 – ben 21 presenze e 7 gol. Il contratto in scadenza nel Giugno 2018, ovviamente, ha attirato l’interesse di parecchi club francesi, con il Saint-Etienne ed il Monaco in prima fila, ma anche europei, con il DT interista Walter Sabatini che vorrebbe portare il ragazzo in Italia, all’Inter. I nerazzurri, dopo aver condotto la trattativa in modo serrato, sottotraccia, stanno cercando di chiudere sulla base di 7 milioni, mentre il Caen ne chiede almeno 10. Trattativa che – come spiegato dall’esperto di mercato Alfredo Pedullà, può essere chiusa nel giro di una settimana, concorrenza permettendo. Intanto lui ha le idee chiarissime:

<< Ho bisogno di tenere la testa sulle spalle. Comunque andar via non è necessariamente l’unica opzione, ma ora il calcio è una professione e se lo devo fare, lo farò >>

CARATTERISTICHE TECNICHE:

Yann Karamoh è a tutti gli effetti un figlio del calcio moderno. Dotato di un ottimo fisico (185×77), ciò che colpisce a primo impatto è la sua incredibile duttilità sotto il profilo tattico: il ragazzo infatti, può giocare indifferentemente come ala sinistra, destra (suo ruolo naturale) e addirittura da terminale offensivo, quindi nei panni del più classico numero nove. É perfetto per un 4-3-3 equilibrato, oppure per un 4-2-3-1: schemi in cui potrebbe giocare in qualsiasi posizione dell’attacco, libero di svariare su tutto il fronte offensivo, anche per togliere ogni punto di riferimento ai  difensori avversari. La sua caratteristica principale è sicuramente la velocità, sia nel breve che nella fase di progressione, grazie all’incredibile dinamicità sia atletica che muscolare. Nell’uno contro uno risulta spesso letale, anche grazie alla buona qualità sotto il profilo tecnico. Ha un ottimo controllo di palla orientato, caratteristica che gli conferisce imprevedibilità e gli permette di sfuggire molto più facilmente ai suoi diretti marcatori quando parte in dribbling. Nonostante il buon fisico può sicuramente migliorare nel gioco aereo, essendo ancora un calciatore che cerca per lo più la profondità e/o l’errore dell’avversario rispetto al contrasto. Risulta comunque molto prezioso nella fase di protezione del pallone spalle alla porta e nel dialogo di sponda coi compagni di squadra, favorendo soprattutto gli inserimenti senza palla dalle retrovie. Il piede destro sembra contenere polvere da sparo, con il ragazzo che nell’ultima stagione ha impensierito più di un portiere, con degli autentici bolidi dalla media distanza (e anche il tiro ad effetto non è niente male). Anche in fase di non possesso è un giocatore molto valido, pressando quasi sempre i suoi avversari in fase d’impostazione, ma anche ripiegando per aiutare i suoi compagni quando necessario, con tanta generosità e spirito di sacrificio. Molti addetti ai lavori hanno ovviamente accostato Karamoh a Mbappé del Monaco, anche se l’enfant prodige dei monegaschi è sicuramente più dedito al gol, mentre Karamoh è un calciatore molto prezioso per la fase di rifinitura. Dalle parti dello stadio Malherbe credono nelle potenzialità di questo talento, descritto da molti come un ragazzo tranquillo, con la testa bella salda sulle spalle, e sempre ben disposto ad imparare e migliorare.

Articolo a cura di Daniele Pagani

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...