THREE LITTLE BIRDS, COSA LEGA L’AJAX E IL REGGAE DI BOB MARLEY

ajax 2

Galeotta un’ amichevole estiva del 2008 a Cardiff. L’Ajax sta preparando il primo turno di Coppa Uefa e gioca in Galles contro il Cardiff City. Nonostante la lunga trasferta, sono molti i tifosi arrivati da Amsterdam.

Durante la pausa del primo tempo, dalle casse del Millenium Stadium, parte una canzone che piace molto ai tifosi olandesi. È Three Little Birds, uno dei più grandi successi di Bob Marley. Piace così tanto che se la portano anche ad Amsterdam. Nella prima partita in casa della stagione vanno dal Dj dell’Amsterdam Arena e gli chiedono di spararla a tutto volume. In tribuna è delirio. Da lì in poi il pezzo diventa un inno.

La spiegazione la dà il Dj del Cardiff City, quello che per prima l’aveva mandata. «L’Ajax è una squadra che mi è sempre stata simpatica per l’amore che Amsterdam ha per il reggae e per l’idea di calcio totale. Quando ho saputo che avremmo giocato in amichevole contro l’Ajax, ho deciso di suonare il maggior numero di canzoni reggae» ha dichiarato in un’intervista a un sito di tifosi.

 

Come dargli torto, il legame tra la capitale olandese e il reggae è molto intenso. Sarebbe banale ridurlo semplicemente alla tolleranza nei confronti della marijuana. È qualcosa di più profondo, legato allo stile di vita della città; dove nel ’68 al posto della repressione si è scelto il dialogo con i giovani che chiedevano adeguamenti democratici, e dove tutto segue il ritmo dei canali: lento, rilassato e tremendamente costante. Ad Amsterdam c’è sempre la convinzione che i problemi della vita si aggiusteranno in qualche modo, a patto di affrontarli con calma e lucidità. E il « Don’t worry about the things, cause everything is gonna be alright» non può che essere la perfetta colonna sonora.

three little birds ajax
La cover di Three Little Birds realizzata dai fans dell’Ajax su Spotify

In occasione della vittoria del campionato del 2012, Lenny Keylard, un cantante reggae, che vive in biancorosso, ha deciso di incidere una cover con altri fans dei lancieri. E anche quest’anno gli olandesi hanno voluto onorare il proprio brano cult.

Durante la trasferta a Lione per la semifinale di Europa League (poi persa con il Manchester United, ndr) hanno fermato un artista di strada per farsi cantare Three Little Birds. Durante la canzone, lo hanno circondato, acclamandolo e riempiendolo di monetine alla fine. Ha portato bene, perché a Stoccolma ci sono andati loro. E poco male che l’Europa League si andata a Manchester e che il Nizza li abbia eliminati dai preliminari di Champions. Perché ad Amsterdam, in qualche modo, tutto si aggiusta.

Articolo a cura di Fabio Simonelli

Una risposta a "THREE LITTLE BIRDS, COSA LEGA L’AJAX E IL REGGAE DI BOB MARLEY"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...