FANTARICORDI – IL TALISMANO

padoin_4

Primo appuntamento con la rubrica “Fantaricordi” che ci farà viaggiare indietro nel tempo, a riscoprire quali furono le migliori prestazioni fantacalcistiche della nostra Serie A.

Oggi vogliamo portarvi indietro, fino alla stagione 2008/2009, e più precisamente alla prima giornata di Serie A. Quell’anno si cominciava il giorno prima della chiusura del calciomercato, il 31 agosto del 2008.

Una giornata ricca di sorprese e con protagonisti che ancora oggi ci regalano grandi emozioni. Ma c’è un giocatore, che molti tifosi oggi ritengono “speciale”, che quel giorno segnò il goal vittoria per la sua squadra. Questo giocatore, al contrario di molti suoi colleghi, credo non abbia mai saltato un allenamento per stress da mercato ed è sicuramente uno dei giocatori più amati nonostante non regali tantissimi bonus. Un giocatore che ha vinto ben 5 Scudetti, 2 Coppe Italia, 3 Supercoppe Italiane rispettando sempre il suo ruolo da gregario. Stiamo parlando del grandissimo Simone Padoin.

Simone si accingeva a disputare la sua seconda stagione in A. E nonostante un primo anno all’Atalanta condito da buone prestazioni e 3 goal sicuramente in pochi avevano puntato su di lui al Fantacalcio. Comunque qualche fantallenatore ci aveva fatto un pensierino e credeva nel giovane Simone. Naturalmente come settima o ottava scelta.

Alla prima giornata la sua Atalanta sfidava il Siena di Maccarone in un match non semplice. E la sua partenza è da urlo, goal vittoria con una incornata da vero bomber. È Ferreira Pinto a regalare l’assist per il goal, un cross che sembrava quasi un tiro che Padoin devia in rete non mancando all’appuntamento. Tutti si aspettavano Cristiano Doni o Big Mac come protagonisti e invece è il friuliano a prendersi il palcoscenico. Anzi, Big Mac si fa pure espellere. Io avevo l’attaccante del Siena naturalmente.
Ma alzi la mano chi ha schierato Padoin titolare quel giorno!!! Io stesso, che mi considero un Talent Scout, non lo avevo schierato. Io amo molto di più i trequartisti sfigati, con molta tecnica e talento ma con poco cervello. Simone non ha mai espresso un talento smisurato, ma ha sempre mostrato di avere intelligenza e tenacia da vendere.

“Il talento non basta: occorre tenacia. Tra una persona talentuosa senza tenacia e un’altra tenace, ma senza talento, sarà quest’ultima a ottenere i risultati migliori.” 

Beppe Severgnini.

Ed è proprio grazie a questa tenacia che Simone con gli anni ha sempre migliorato le sue prestazioni fino ad attirare l’attenzione della Juventus e di Antonio Conte. Nel gennaio del 2012 passa alla Juventus dove pur non essendo un titolare fisso riesce a ritagliarsi il suo spazio e comincia ad essere soprannominato da molti il Talismano.

Comincia tutto quasi per scherzo, un gioco al quale Simone partecipa più che volentieri. Ma che con il passare del tempo sembra quasi un soprannome più che azzeccato. Ricordo ancora quando Padoin non fu convocato alla finale di Champions contro il Barcellona, molti rimasero dispiaciuti. Non si poteva lasciare fuori il Talismano. Be, sappiamo tutti come è andata a finire. Magari la Juve avrebbe perso lo stesso, ma forse il Pado avrebbe potuto dare quel qualcosa in più che alla fine è mancato alla squadra di Allegri.

Ma la cosa strana per me e molti altri che giocano al Fantacalcio è stata la gestione del Talismano! Dopo questa storia del portafortuna Simone Padoin comincia ad essere acquistato dai Fantallenatori non come giocatore affidabile e che prende sempre voto, come accadeva in precedenza, ma come giocatore portafortuna. Nell’ultimo anno di Juventus non giocò moltissimo, 12 presenze, ma credo che sia stato sicuramente tra i giocatori più acquistati. Tutti sanno che il Fattore C è una cosa fondamentale al Fantacalcio, e se si può comprare vale decisamente la pena spendere qualche fantamilione.

Ma Padoin è tutto fuorché fortuna. È un giocatore che si è sempre impegnato per arrivare ad alti livelli e che grazie alla sua forza di volontà e alla sua professionalità è riuscito a ritagliarsi un posto nel cuore dei tifosi. Ed è per questo che mi sembrava giusto ricordare una giornata speciale per un giocatore che pur rimanendo nell’ombra riesce ad aiutare sempre la nostra fantasquadra.

GRAZIE DI TUTTO SIMONE!

Articolo a cura di Federico Dinarelli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...