FERDINANDO DEL SOLE: IL TALENTO NEL DESTINO

WhatsApp Image 2017-09-12 at 13.13.19
Ferdinando Del Sole – Pescara, photo by Giacomo Maurizi (http://zh.ink361.com/app/users/ig-315063804/giacomo.maurizi.graphics/photos)

NOME E COGNOME: Ferdinando Del Sole

ANNO DI NASCITA: 1998

RUOLO: Ala destra / Trequartista

NAZIONE: Italia

PIEDE: Sinistro

FISICO: 180 cm x 69 kg

Gli anni passano, la storia si ripete. Quasi ciclicamente. Perché se circa 6 anni fa si parlava di un Pescara pieno di giovani talenti (Immobile, Insigne e Verratti giusto per dire) e ancor prima dell’esplosione di questi la Juventus aveva già messo e mani su uno dei tre, dalle giovanili in questo caso. La storia si ripete, stavolta non è Ciro Immobile il diretto interessato, ma un suo quasi “paesano”. Stiamo parlando di Ferdinando Del Sole, nuovo talento del Pescara di Zeman, già di proprietà della Juventus che l’ha lasciato in prestito ai delfini. Programmazione, ancora una volta. Del Sole, nativo di Napoli, passato a Pescara già dalle giovanili, aveva scatenato anche l’interesse del Milan e proprio del Napoli, che nulla hanno potuto quando la Juve si è mossa per prima.

Poco importa, almeno per ora, Ferdinando deve concentrarsi su quest’annata, perché a prescindere dal fatto che sarà la prima stagione in cui avrà davvero occhi “pesanti” su di lui, con mister Zeman questo ragazzo potrebbe fare un salto importante. Di lui si parla già un gran bene, in particolare dalla doppietta in Coppa Italia contro il Brescia, a cui ha fatto seguito il gol contro il Perugia sempre in Coppa. Per non farsi mancare nulla, poi, Ferdinando ha continuato a stupire i suoi osservatori ed ecco arrivare un’altra ottima prestazione, stavolta senza gol ma con 2 assist, contro il Frosinone. Tra i suoi ammiratori, oltre ad Allegri, troviamo anche un ex Juve, ora procuratore, Simone Pepe:

“Mi ricorda molto Bernardeschi, gioca a piede invertito e possiede un bel sinistro, è molto bravo quando si tratta di puntare l’uomo. Io ed altri gli davamo sempre consigli quando veniva aggregato alla prima squadra, si vedeva che era un ragazzo sveglio. Ora con Zeman può crescere ancora, sappiamo bene quanto gli schemi del boemo vadano ad esaltare il gioco degli attaccanti”.

Il futuro alla Juventus sembra annunciato per questo giovane talento, che però ha ancora tutto davanti a sé per dimostrare tutto il suo valore. Sicuramente, come dice Pepe, la mano di Zeman e la predisposizione offensiva delle sue squadre favoriscono la crescita e l’esplosione di giovani talenti in quella zona di campo, come lo è Del Sole.

CARATTERISTICHE TECNICHE:

Ferdinando Del Sole è un esterno destro, mancino naturale e molto educato, che ama partire dall’esterno e rientrare sul piede preferito, ma anche capace di sfidare gli avversari in velocità, grazie all’abilità nel dribbling, e mettere cross precisi per i compagni, anche col piede debole. Non a caso, nel match casalingo del Pescara contro il Frosinone, i due assist sfornati da Ferdinando sono partiti uno dal destro e uno dal mancino.

Assist ma non solo, Ferdinando è un esterno col vizio del gol e in questa specialità ha già dimostrato di poter e saper far gol in tanti modi, probabilmente il suo preferito è rientrare e calciare dal limite dell’area col suo mancino (a Brescia ne sanno qualcosa). Sa segnare anche da punizione, fattore che dimostra la finissima abilità tecnica di questo ragazzo classe ’98. Nel Pescara tra l’altro, ha trovato un altro ragazzo di grande prospettiva, che vi avevamo già segnalato e che potrebbe giocare assieme a Ferdinando nel tridente degli abruzzesi: Christian Capone. 

Se tecnicamente, per la sua età, Ferdinando è un vero prodigio, non vuole esser da meno anche dal punto di vista tattico e, nonostante l’inesperienza, ha già ricoperto molti ruoli: nelle giovanili era mezz’ala, per sfruttare le sue abilità tecniche appunto, poi è stato spostato trequartista grazie alla sua indole a puntare l’uomo e per sfruttare le sue doti offensive, ora Zeman lo vuole consacrare come ala un po’ “alla Insigne”.

Il paragone è azzardato, lo so, ma date le origini partenopee e il passaggio a Pescara sotto il tecnico boemo in comune viene naturale paragonare questi talenti del calcio nostrano, uno in piena ascesa (Ferdinando), l’altro in attesa di diventare mostro sacro, magari riportando lo scudetto a Napoli. I due percorsi, dopo l’esperienza di Pescara, probabilmente prenderanno strade molto diverse, da una parte la Juventus, dall’altra Napoli, dove magari Ferdinando giocherà un giorno, perché “io che ho girato tutto il mondo, ‘o sole ‘e Napule nun l’aggia maje truvate a nisciuna parte!” E Ferdinando, che quel sole ce l’ha anche nel cognome, non potrà farne a meno, ne sono certo.

Articolo a cura di Luca Pesenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...