MILAN E JUVE, STORIA DI UNA RIVALITA’ CENTENARIA

 

IMG_2339.JPG
Immagine a cura di Galufo Vector Art https://www.instagram.com/galufo_vector_art/?hl=it – https://www.facebook.com/Galufo/?fref=mentions )

 

« Juventus-Milan è la storia del calcio. Bandiere eterne, grandi campioni, sfide dal sapore unico. »

(Lega Nazionale Professionisti Serie A, 23 novembre 2015)

Quando all’interno di una nazione dove il calcio è lo sport più amato e acclamato si incontrano le due squadre che insieme hanno conquistato più trofei, sia a livello nazionale che internazionale, la sfida non può esser altro che una delle più attese, una delle più calde.

Nella lunga storia del calcio italiano, Milan e Juventus, in questi anni si sono contese per molto tempo il dominio nazionale. La rivalità tra i bianconeri e i rossoneri è legata soprattutto alle bacheche di questi due club.

Dal 1929, quando venne istituita la Seria A come oggi la conosciamo (detta a girone unico) le due squadre hanno conquistato complessivamente 46 scudetti su un totale di 86 disputati. Quasi la metà dei titoli nazionali sono stati contesi sull’asse Milano-Torino. Inoltre ben 17 sono le Coppe Nazionali alzate dalle due rivali, insieme anche a 14 Supercoppe.

Ad essi dobbiamo aggiungere il prestigio internazionale, che ha ovviamente reso sempre più affascinante questa sfida. Milan e Juventus, nel corso della loro storia sono state in grado di posizionarsi ai vertici del calcio europeo grazie alle vittorie soprattutto in Champions League.

I rossoneri dopo il Real Madrid, sono la squadra ad aver alzato per più volte la coppa dalle grandi orecchie, per un totale di 7 vittorie. I bianconeri invece hanno conquistato solo 2 Champions, ma il prestigio delle zebre è dato anche dalle numerose finali perse. Per ben 7 volte la Juventus ha perso una finale di coppa, ciò ovviamente ha contributo ha creare un’immagine positiva della Juve a livello europeo e a far sì che sia rispettata in tutto il continente.

milan-juventus-672x351.jpg
Photo by Il Sole 24 Ore

La rivalità ha anche fondamenti storico sociali che hanno contribuito a creare questa bellissima rivalità. Le due città a cavallo tra la fine dell’800 e l’inizio del 900 erano i principali distretti industriali di tutto lo stivale. Insieme a Genova esse rappresentavano il cosiddetto Triangolo Industriale. A livello economico Milano e Torino sono da sempre state protagoniste attive dell’economia italiana. Il calcio era ed è l’occasione di sfida di queste due bellissime e importantissime città del nostro paese.

Questa sfida tra Milano e Torino è stata portata avanti anche dai presidenti che per anni hanno reso gloriose queste due società. Fino a poco fa il confronto era rappresentato dalla famiglia Berlusconi e da quella degli Agnelli, protagonisti indiscussi della politica e dell’economia italiana, che si fecero pionieri di questa sfida arricchendo i propri club con giocatori di calibro mondiale.

Milan Juventus si è giocato in totale ben 223 volte e ha visto trionfare i bianconeri per 84 volte e i rossoneri per 66 volte. Ben 606 sono i gol segnati nei confronti tra queste due superpotenze, una media di circa 2,7 gol a partita. Statistica che è garanzia di spettacolo e di divertimento.

La prima gara tra queste due squadre si disputò nel lontano 1900, più precisamente il 27 maggio. Le due squadre si affrontarono per la conquista della Medaglia del Re in gara unica e fu vinta dal Milan, come la prima sfida in campionato che si giocò invece il 28 aprile 1901 per 3 a 2.

I primi malumori si registrarono nel 1906, quando il Milan vinse a tavolino il suo secondo scudetto, a causa del rifiuto bianconero di disputare lo spareggio a Milano, giudicando il campo scelto (quello della società lombarda Milanese) troppo di parte.

Nella lunga storia di questa gara numerose sono i match che rimangono indelebili nella memoria di entrambe le tifoserie e che hanno scritto un pezzo di storia del nostro calcio.

Galia.jpg
Photo by Pianeta Milan

Il derby del 1989 fu un vero e proprio spettacolo, oltre che una grandissima gioia per i tifosi rossoneri. Nonostante si giocasse a novembre, il match era attesissimo, il Napoli di Maradona volava e le due squadre erano pronte a inseguire con tutte le loro forze. Il primo tempo si concluse sullo 0 a 0.

Il secondo tempo fu uno show totale. Al 52esimo Van Basten portò in vantaggio i rossoneri che furono raggiunti e superati in dieci minuti dalla Juve grazie a De Agostini e Schillaci. Quando sembrava che la Juventus avesse vinto la partita i rossoneri riuscirono nuovamente a ribaltare il risultato sul 3 a 2 grazie a Donadoni e al secondo gol di Van Basten.

Per sempre nel cuore di ogni tifoso bianconero rimarrà la vittoria dell’aprile 1997. Uno a sei fu il risultato finale per la Juve in quel di San Siro, contro un Milan in confusione totale le zebre siglarono la loro vittoria più larga contro i rivali. Un altro ricordo, che ancora fa scendere una piccola lacrimuccia ai tifosi bianconeri, fu la vittoria a San Siro dell’8 maggio 2005.

A quattro giornate dalla fine, le due squadre erano prime in classifica a quota 76. La partita fu tesissima e molto combattuta. Fu vinta dai bianconeri per 1 a 0 grazie a un gol di Trezeguet su un magnifico assist di Del Piero in rovesciata.

Per i rossoneri la sfida che più emoziona ancora il popolo dei casciavit coincide con la gara disputata nel contesto migliore per ospitare questa rivalità, nella finale di Champions League di Manchester del 2003.

La partita non fu per niente bella, la tensione prevalse e solo due furono le occasioni degne di nota. Una capitò sulla testa di Inzaghi e l’altra fu una traversa colpita da Conte. La gara si decise ai calci di rigore, i protagonisti furono i due portieri Buffon e Dida, e fu decisa da Schevchenko che fece impazzire di gioia i tifosi rossoneri e portò a Milanello la sesta Champions della storia.

MALDINI-MILAN-JUVE-INTERNA-SUPERCOPPA-TIMEMACHINE.jpg
Photo by Ac milan

Questa sfida è sempre stata giocata da calciatori di calibro internazionale che hanno scritto pagine della storia di questo sport, tra i quali abbiamo Van Basten, Nedved, Pirlo, Nesta, Seedorf, Trezeguet, Camoranesi e moltissimi altri. Protagonisti di questa rivalità furono anche le bandiere e simboli di queste squadre, dai Maldini per il Milan a Del Piero, Boniperti e Buffon per la Juve.

Questo classico del nostro paese, è stato, e ci auguriamo che rimarrà per sempre un manifesto della bellezza del calcio italiano ammirato e guardato con rispetto da tutto il mondo. Lo spettacolo, la qualità, la politica e i trofei hanno reso Milan Juventus ciò che oggi possiamo definire una delle più sentite rivalità dello stivale e andando oltre a scandali e polemiche arbitrali rimarrà per sempre una delle sfide più attese nel campionato di Seria A.

 

                                                Articolo a cura di Federico Bottara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...