BAD GONES VS MAGIC FANS, L’ODIO SULLE RIVE DEL RODANO

IMG_2377 (1).jpg
Immagine a cura di Galufo Vector Art https://www.instagram.com/galufo_vector_art/?hl=it – https://www.facebook.com/Galufo/?fref=mentions )

Il Rodano è un fiume lungo 545 km che nasce in Svizzera e prosegue in Francia sino a sfociare nel Mar Mediterraneo. Nel suo lungo percorso attraversa la regione a cui da il suo nome, l’Alphes-Rhone che è considerata una delle 4 locomotive economiche dell’Europa. Il suo capoluogo è Lione, e a 50 km nasce un’altra importante città, Saint-Etienne. L’incontro tra le squadre di calcio di queste due importanti città di Francia da origine al Derby du Rhone, molto più di una semplice partita.

L’Olympique Lyonnais fu fondato ufficialmente il 3 agosto 1950. Il club nacque dalla scissione tra la sezione rugbistica e calcistica del club polisportivo Lyon Olympique Universitaire. Dalla sua fondazione il club ha sempre mantenuto gli stessi colori sociali, ormai conosciuti in tutto il mondo: rosso, blu e bianco. La prima divisa è da sempre principalmente bianca con una banda rossoblu che ogni anno viene cambiata in vari stili.

Il soprannome del club è “Gones” o “OL” e disputa le proprie partite casalinghe nel nuovissimo Parc OL, impianto capace di contenere fino a 60mila spettatori. Nella sua storia l’OL ha conquistato 7 titoli di Francia, 5 Coppe Nazionali, una Coppa di Lega e 8 Supercoppe di Francia.

Conosciuto in tutta Europa è il gruppo organizzato dei Bad Gones (Ragazzacci) nato nel 1987. Da sempre sono accompagnati dall’altro gruppo chiamato Cosa Nostra Lyon. Oltre ad essi ci sono numerosi piccoli gruppi che animano ogni partita del Lione.

578489.jpg
Photo by SvenskaFans.com

L‘Association Sportive de Saint-Étienne Loire (spesso abbreviato in ASSE) fu fondata nel 1919. Nacque come sezione sportiva chiamata “Amicale des employés de la Société des magasins Casino” un’organizzazione creata nel 1912 dal “Groupe Casino“, per accompagnare la sua politica del corporativismo sportivo. La sezione calcistica divenne la più importante e solamente nel 1930 divenne professionistica con la nascita del campionato francese, ma solo nella stagione 32-33 si iscrisse per la prima volta. Da sempre il club utilizza come colore principale il verde, che fu scelto negli anni della fondazione perché colore principale dei negozi alimentari di cui era proprietario il fondatore. Colore che da origine al soprannome con cui il club è conosciuto in tutta Francia, cioè Les Verts (I verdi).

Il St.Etienne nella sua lunga storia è riuscito a conquistare ben 10 titoli nazionali, 6 Coppe di Francia, una Coppa di Lega e 5 Supercoppe di Francia. Il Geoffroy Guichard è lo stadio che ospita le partite casalinghe dei Verts e fu inaugurato nel 1931, e dopo alcune ristrutturazioni è ancora il fortino del club.

Anche i verdi hanno una delle tifoserie più conosciute e numerose dell’intera Francia, essi sono i Magic Fans 1991 che occupano il Kop Nord e riscaldano l’atmosfera a ogni gara dell’ASSE.

1062320_3782714_crop_north.jpg
Photo by Bleacher Report

I motivi di astio tra le due società sono legati principalmente al dominio regionale, dato che sono le squadre più titolate dell’Alphes-Rhone. Il ASSE è ovviamente quella con più storia, e l’odio è aumentato nei primi anni del 2000 quando il Lione riuscì a conquistare i suoi sette titoli nazionali e si propose come squadre dominante della regione. A questo dobbiamo aggiungere i motivi socio economici che dividono le popolazione delle due città. Da sempre Saint-Etienne rappresenta la città dei colletti blu, la maggior parte dei cittadini sono di estrazione proletaria, mentre Lione è l’antitesi da questo punto di vista, rappresenta la città dei colletti bianchi con la maggior parte della popolazione occupata nel settore amministrativo.

La rivalità è vissuta in maniera viscerale dalle due tifoserie che ad ogni Derby du Rhone infiammano l’atmosfera con cori assordanti, straordinarie coreografie e striscioni pieni di ironia volti a prendere in giro gli eterni rivali.

È  una rivalità che spesso è sfociata in violenza, come spesso accade in Francia, che ha causato in molte occasione la chiusura del settore ospite. Il Derby du Rhone si è disputato in totale ben 114 volte con 39 vittorie dell’OL e 43 dei Verts. Il primo match ufficiale si disputò nel 1951 e fu vinto dall’Olympique per 4 a 2.

La vittoria che non verrà mai dimenticata dai tifosi dei Verts fu quella per 6 a 0 del 25 ottobre 1964 mai vendicato dai rivali e replicata il 5 ottobre di cinque anni dopo quando si imposero per 1 a 7 sul campo dell’OL. Glorioso fu il periodo dei primi anni del 2000 per il Lione che in 10 anni non persero mai una gara contro i rivali, i quali furono anche retrocessi dal 2001 al 2004.

Solamente nel 2010 l’ASSE riuscì a sconfiggere il netto dominio dei rivali, quando si imposero per 0 a 1 alla Gerland grazie al gol di Dimitri Payet.

Per comprendere l’odio tra le due squadre è utile menzionare il caso del trasferimento di Mounier dal Bologna al St.Etienne. Dato il suo passato con la maglia del Lione, e la sua fede per i colori dei Gones vide rivoltarsi contro tutto il popolo verde che si oppose al suo trasferimento manifestando la loro contrarietà con numerosi striscioni. Uno di essi recitava: “I nostri colori non saranno mai i tuoi”.

Il Derby du Rhone è una delle gare che non si possono perdere e che non ha nulla da invidiare ai più acclamati derby di tutto il mondo. L’atmosfera è quella che ogni calciatore e tifoso sogna, soprattutto grazie alle due tifoserie che incorniciano perfettamente una delle rivalità più famose di Francia.

                                                  Articolo a cura di Federico Bottara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...