LA BELLEZZA DEL MERSEYSIDE DERBY, TRA AMICIZIA ED ESPULSIONI

IMG_2459.jpg
Immagine a cura di Galufo Vector Art https://www.instagram.com/galufo_vector_art/?hl=it – https://www.facebook.com/Galufo/?fref=mentions )

Il Merseyside è una contea metropolitana inglese situata nel cuore dell’Inghilterra, tale regione prende il nome dal fiume Mersey  che sfocia nel mar dIrlanda con un ampio estuario sul quale è situata la città più conosciuta della zona cioè Liverpool. 

Come tutti sanno a Liverpool non c’è nulla che renda affascinante questa città industriale a livello turistico ma per noi amanti del calcio questa città è forse una delle più particolari e una di quelle che fa del calcio l’unica religione e quando si sfidano nel Merseiside Derby le due squadre cittadine il clima non può esser altro che uno dei più belli nel panorama mondiale grazie ovviamente al Liverpool e all’Everton.

Il Liverpool è ovviamente la più conosciuta grazie soprattutto ai successi nazionali ed internazionali. Non da meno è l’Everton che però dopo un passato glorioso sta vivendo da ormai anni un periodo di mediocrità privo di importanti trofei. Questa stracittadina è la più longeva della Premier League, viene infatti giocato ininterrottamente dalla stagione 196263.

Lo strano caso del derby di Liverpool è il soprannome di questa gara, che viene detto Friendly Derby (derby amichevole). Strano sì, perché in tutto il nostro viaggio abbiamo imparato come in ogni derby il concetto di amicizia sia sempre stato considerato utopico. Le motivazioni sono diverse, la prima è legata alla distanza minima tra gli stadi divisi solamente da Stanley Park. Friendly anche perchè per anni l’Everton ha disputato le gare casalinghe nell’impianto di Anfield Road condividendo il programma delle partite con i rivali. Un’altra motivazione è legata anche alla vicinanza mostrata dai tifosi dei Toffies in seguito ai fatti di Hillsbrough del 1989 per i quali furono ritenuti responsabili per molti anni gli Hooligans dei Reds. In occasione della sentenza che riteneva i colpevoli non gli ultras ma chi doveva gestire l’evento i tifosi della Kop ringraziarono i cugini con una bellissima scritta che recitava semplicemente “Thanks”.

Tante sono state le manifestazioni di questo tipo che hanno coinvolto le due società. Nel 2012 in occasione del match tra Everton e Newcastle prima del fischio d’inizio scesero in campo due bambini con sulle maglie, una del Liverpool e una dell’Everton, con i numeri 9 e 6 (perché 96 furono le vittime della strage di Hillsbrough) e vennero letti i nomi di tutte le vittime seguito da una bellissima standing ovation. Un altro bellissimo gesto fu fatto dal Liverpool nel 2007 quando in occasione della morte di un piccolo tifoso dei Toffies dovuta a un colpo d’arma da fuoco sparati mentre giocava a calcio, invitò i genitori del piccolo a una partita di Champions League e fece risuonare ad Anfield lo ZCars, storico inno dei Blues in uno scenario commovente.

nuovo.archivio.foto.everton.newcastle.bambini.hillsborough.750x450.jpg
Photo by CalcioMercato.com

Il Merseyside Derby nel corso della storia si è giocato ben 223 volte con 66 vittorie dei Toffees e 86 dei Reds. Più di 500 sono le reti segnate in una sfida, garanzia di spettacolo all’inglese. I due più presenti nella storia di questa gara sono il portiere Southall per l’Everton con 41 gettoni e il bomber Ian Rush per il Liverpool con 36 presenze. Rush che è anche il massimo goleador nella storia del Friendly Derby con 25 gol seguito dal Blues Dixie Dean che ne ha messi a segno 19. La vittoria più larga in un Merseyside Derby fu rifilata dal Liverpool ai Blues per 6 reti a 0 nel 1935, mentre la gara con più reti finì per 7 a 4 ancora a favore del Liverpool.

Questo derby si può definire amichevole per tutti questi motivi legati a vicende extracampo, ma dal punto di vista del rettangolo verde si può definire il derby più indisciplinato di tutta la Premier League, è infatti la gara nella quale sono stati estratti più cartellini rossi. In pieno stile british l’agonismo è il principale protagonista di questa gara.

Lo scenario più suggestivo che ha ospitato questa stracittadina fu la Coppa dInghilterra che vide le due squadre contendersi il trofeo in due occasioni. L’esodo da Liverpool a Londra fu un qualcosa di incredibile, numerosissimi furono in entrambe le occasioni i tifosi che si spostarono verso la capitale per assistere alla gara. Il protagonista assoluto in entrambe le occasioni fu il bomber Ian Rush. Nel 1986 il Liverpool vinse a Wembley per 3 a 1, con vantaggio inziale dei Toffees ribaltato da un gol di Johnston e una doppietta del bomber gallese. Nel 1989 invece la gara finì in pareggio e nei supplementari sempre lui, il gallese, siglò il vantaggo Reds al 95esimo subito pareggiato al 102esimo e nuovamente ribaltato due minuti dopo dall’implacabile Rush che siglò il definitivo 3 a 2 e la vittoria del trofeo per i Reds.

Il Merseyside Derby è la sintesi perfetta di ciò che vorremo vedere in ogni rivalità, assenza violenza tra le tifoserie ma tantissimo agonismo in campo accompagnato da giocate di grandissima qualità e da un’atmosfera spettacolare legata ai bellissimi impianti di Anfield e Goodison Park in pieno stile anglosassone.

                                            Articolo a cura di Federico Bottara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...