CSKA CONTRO SPARTAK: IL CALORE DEL DERBY NELLA CITTA’ PIU’ FREDDA

 

 

cska-moscow-vs-spartak-moscow.png

Mosca è la capitale più fredda del pianeta nonchè della nazione più ampia del mondo. La sua storia ha profondamente influenzato la città, che ad oggi è una delle più affascinanti del mondo grazie alle sue numerose attrazioni tra cui il Cremlino e la sua Piazza Rossa. Come sempre la storia, in particolare quella politica, oltre ad influenzare la società e le strutture coinvolge anche il calcio che negli anni ha subito molte pressioni da parte del regime comunista governate dall’obiettivo di controllare questo sport affiliando ogni squadra a uno specifico ambiente sociale. Nella capitale sono addirittura cinque le squadre, ma la rivalità che più di tutte riesce a riscaldare la città è quella tra lo Spartak e il CSKA.

Lo Spartak Mosca fu fondato il 18 aprile del 1922 su proposta di Ivan Artemjev come società sportiva affiliata a un sindacato operaio. La scelta di inserire “Spartak” nel nome è dovuta a Spartaco, schiavo romano che si mise a capo di una rivolta contro i potenti per la conquista della libertà. In poco divenne la squadra del popolo e della classe operaia di Mosca e anche una delle più forti del paese. Da sempre lo Spartak si distingue per le sue divise di colore rosso con inserti bianchi. I soprannomi sono molti e richiamano le origini della squadra, tra cui abbiamo Narodnaja komanda (squadra popolare) e Krasno-belye (rossobianchi). Nella sua storia i rossobianchi di Mosca hanno conquistato 12 campionati sovietci, 10 campionati russi, 10 Coppe dell’URSS, 3 Coppe di Russia e una Supercoppa di Russia.

Spartak-Moscow-fans-1064632.jpg

Il CSKA Mosca fu fondato nel 1911 da un’associazione di amanti dello sci ma nel 1923 con l’avvento del regime comunista tutte le associazioni furono sciolte e nel 1928 venne scelto il nome che tuttora è utilizzato dal club che significa Società Sportiva della Casa dell’Armata Rossa che divenne proprietaria del club. I colori sociali sono da sempre il rosso-blu ed il simbolo è ovviamente la Stella rossa. I soprannomi del club sono Armejcy (Uomini dell’Esercito) e Koni (cavalli). Il CSKA nella sua storia ha conquistato 7 campionati sovietici, 6 campionati russi, 5 Coppe dell’URSS, 7 Coppe di Russia, 6 Supercoppe di Russia e una Europa League nella stagione 2004-2005 guadagnandosi il titolo di prima squadra russa nel post-comunismo a conquistare un titolo internazionale.

Fans-of-CSKA-Moscow_3027354.jpg

Il primo derby di Mosca tra le due squadre si disputò nel 1922 nella finale del campionato e fu vinto dal CSKA per 4 a 2. Il totale delle vittorie della squadre dell’esercito è di 65 mentre quelle dello Spartak sono 67 con infine 36 pareggi. Nonostante il classico gelo russo a ogni sfida si vive un’atmosfera caldissima dovuta principalmente alle due tifoserie che colorano con coreografie spesso imponenti gli spalti accompagnate ovviamente da canti e cori assordanti. La sfida tra queste due squadre è la più sentita di tutta la città, lo scontro tra il simbolo dell’esercito e della popolazione non può far altro che infuocare la capitale. Spesso la violenza è stata la protagonista e ha coinvolto i gruppi organizzati che nel corso della storia hanno dato vita a vere e proprie lotte tra Hooligans concluse con feriti e numerosissimi arresti. Il più recente episodio di violenza si verificò nel 2016 durante un derby vinto per 3 a 1 dallo Spartak in questo caso gli arresti in totale furono 70. Una delle caratteristiche che ha sempre distinto gli ultras russi, e che ovviamente ha coinvolto i gruppi delle due squadre, era la tradizione di incontrarsi nei boschi di città per dare vita a vere e proprie guerre tra fazioni. Nonostante questa rivalità sia sempre stata la più importante in città, ha acquisito sempre più importanza dopo lo scioglimento dell’URSS e la nascita della Federazione Russa.

Al di là della violenza il campo è stato in grado di regalare derby indimenticabili pieni di emozioni. Per i tifosi dello Spartak sicuramente indimenticabile fu la vittoria per 6 a 0 mentre per i tifosi del CSKA fu quella per 1 a 6 in casa degli odiati nemici. Ma la vittoria che più emozionò i tifosi dello Spartak fu nel non lontano 1990 quando i rossobianchi vinsero per 5 a 4 in una partita al cardiopalma. I capocannonieri della sfida sono il brasiliano Vagner Love per il CSKA con 9 reti e il russo Sergei Salnikov per lo Spartak.

La storia del calcio russo è strettamente legata alla politica e al regime, proprio questa è stata la base che ha creato questa fantastica rivalità, occasione di confronto tra due ambienti sociali profondamente diversi e spesso in contrasto tra loro. La bellezza di questa rivalità è data anche dal teatro che ospita questa rivalità, il freddo non è mai troppo quando c’è un po di vodka e il derby di Mosca!

                                      Articolo a cura di Federico Bottara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...