KOSTAS MAVROPANOS: UN COLOSSO DI RODI PER WENGER

27786488_161390401177254_1568250966_o
Kostantinos Mavropanos – grafica by Giacomo Maurizi

NOME E COGNOME: Kostantinos Mavropanos

ANNO DI NASCITA: 1997

RUOLO: difensore centrale

NAZIONE: Grecia

PIEDE: destro

FISICO: 194 cm x 88 kg

Scomodando un paragone eccezionale, Kostantinos “Kostas” Mavropanos è uno dei tanti piccoli Traianos Dellas, ex Roma, tra i più iconici difensori che il calcio greco abbia mai visto, e non solo per le prodezze mostrate in terra portoghese nel 2004, quando Theodoros Zagorakis festeggiò alzando al cielo di Lisbona la coppa che sanciva l’Europeo più pazzo di tutti. Il prototipo di difensore centrale ellenico ha una sola caratteristica fissa: prestanza atletica ad libitum, corroborata da un fisico statuario e da una certa aggressività spartana.

Non è terra d’attaccanti la Grecia, visto che Mitroglou è originario di una zona ben più vicina anche culturalmente alla Turchia (Macedonia orientale) e per di più non parla nemmeno il greco. I difensori, però, ad Atene e dintorni germogliano presto e volentieri: a Roma ringraziano l’Olympiakos per avergli fornito tre quarti di difesa nella storia recente, ovvero Torosidis-Manolas-Holebas con la variabile indipendente consistente nel sopracitato Dellas. Tuttavia, dalla periferia dell’Epiro a Londra il salto c’è ed è tangibilissimo.

Chiedetelo a un giovane ventenne che da qualche settimana è capitato per caso nell’universo dei Gunners arrivando da un’umile cittadina greca abitata da 100mila persone, Ἰωάννινα. La metropoli londinese sarà certamente un ostacolo, ma la crescita di questo Colosso di Rodi ha tutto per non fermarsi qui. Anche perché è il secondo greco della storia qui: il primo era pure lui un difensore, Stathis Tavlaridis, che nel 2002 lasciò l’Iraklis di Salonicco per tentar l’avventura oltremanica. Non gli andò benissimo.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Roccioso come pochi altri, Mavropanos è un prodotto recentissimo della pregiata bottega PAS, a Giannina. Sotto le cure del tecnico Giannis Petrakis ha saputo fare di necessità virtù, visto che il 3-5-2 solito mancava di un interprete sufficientemente eclettico da blindare il lato sinistro della flange oplitica difensiva. Tirato fuori dalle giovanili, Mavropanos in breve tempo ha dimostrato sufficiente continuità affinché gli fosse concessa la maglia da titolare tra i grandi. Nella formazione tipo del PAS agiva al centro, ventenne, comandando il 28enne Tzimopoulos a destra e il 31enne capitano Alexios Michail sulla corsia mancina. Personalità da vendere, carattere deciso e non troppo gentile nei contrasti. A volte Kostas è stato impiegato pure sulla destra, mentre con Theodoros Berios in campo è stato dirottato a sinistra. Insomma, quel che esce da questo continuo mescolamento di alchimie è il prodotto di un lavoro eccelso effettuato dallo staff delle giovanili del PAS, tale per cui è stato dotato  Petrakis di un ottimo elemento cui dar fiducia. Non gli dispiace farsi vedere in zona gol, quando le circostanze glielo consentono, tanto che la sua abilità aerea (testimoniata dai 194 centimetri) è un’arma preziosa da poter utilizzare in caso di partite bloccate.

Quattordici apparizioni e tre preziose reti in questa Super League, per lui terminata anzitempo vista la chiamata dalla corte di Arsène Wenger. Londra è grande, si sa, ma chi lo dice che questo ragazzone dal fisico statuario e dall’animo gentile non possa, un giorno, trovarsi in mezzo a Koscielny e Mustafi?

Articolo a cura di Matteo Albanese

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...