LA BATTAGLIA DI SOFIA

maxresdefault (1).jpg

Sofia è la capitale della Bulgaria, è il principale centro amministrativo, industriale culturale dell’intera nazione. La popolazione si aggira intorno al milione, e più o meno essa si divide in tifosi del CSKA Sofia e del Levski. Queste due squadre danno vita al Derby Eterno di Sofia e per molti anni si sono contese anche il titolo nazionale. E’ una di quelle rivalità focose, piena di passione e amore per la squadra che sin da piccoli si decide di tifare.

Il CSKA nacque ufficialmente nel maggio 1948 a seguito di alcune fusioni negli anni precedenti tra altri club della capitale. In quell’anno si decise la denominazione CSKA che traducendo il suo acronimo dal bulgaro significa “Casa Centrale dell’esercito”, il soprannome è infatti “Soldati”. La divisa è da sempre caratterizzata dal colore unico rosso e lo stemma è caratterizzato dalla presenza della stella simbolo del Comunismo. E’ una delle società più gloriose e importanti di Bulgaria può infatti vantare in bacheca 31 Campionati, 30 Coppe di Bulgaria e 4 Supercoppe.

cska-sofia.jpg

Il Levski venne fondato nel 1911 da un gruppo di studenti. Il nome fu scelto in onore dell’eroe nazionale del risorgimento bulgaro Vasil Levski. Negli anni del comunismo fu vittima del classico progetto di ridefinizione delle squadre calcistiche e fu chiamata Dinamo Sofia per poi ritornare alla classica denominazione nel 1957 a seguito del processo di destalinizzazione. Insieme al CSKA è anch’essa una delle squadre più titolare del paese, vanta infatti 26 Campionati, 26 Coppe di Bulgaria e 3 Supercoppe. Da sempre i colori sociali della squadre sono il blu e il bianco.

maxresdefault.jpg

La rivalità tra le due fazioni di Sofia iniziò sul finire degli anni quaranta con la nascita del CSKA. I principali motivi di astio furono inizialmente legati al fatto che il CSKA nacque su emanazione dell’esercito e che il Levski era considerato dal regime come una squadra “fascista”, oltre al fatto che dominava da anni sul territorio nazionale. Il CSKA era infatti la squadra degli intellettuali, dell’esercito e comunque di chiunque fosse legato agli ideali di sinistra, mentre il Levski rispecchiava lo spirito di chi si poteva definire, senza alzare troppo la voce, nazionalista e contro il regime comunista. Il derby eterno di Sofia in moltissime occasioni non si è giocato solamente sul rettangolo verde ma soprattutto tra le strade e i vicoli della capitale. La violenza è stata la protagonista per anni ed anni e non è inusuale che ci siano scontri tra le parti più calde delle due tifoserie. Entrambe le squadre hanno al proprio seguito squadroni di Hooligans con fama non solo a livello nazionale ma anche internazionale legata alle loro azioni violente, tanto che spesso il Derby Eterno si è giocato nello stadio della nazionale per garantire alle forze dell’ordine un miglior controllo su questi gruppi organizzati. Uno degli episodi più gravi del derby accadde nel giugno del 1985 quando le due squadre si affrontarono per la finale della Coppa di Bulgaria. Il clima era tesissimo e dopo una serie di brutti falli scattò una furibonda rissa tra i calciatori, e solamente due giorni dopo il Partito Comunista decise di sciogliere le due formazioni con il CSKA che divenne Sredetz e il Levski che assunse il nome di Vitocha oltre che esser incolpato di aver degradato la dignità umana e offeso la morale sportiva socialista. Dopo pochi anni tornò tutto alla normalità, le due squadre ripreso la storica denominazione e ripreso a vivere la rivalità come sempre, tra sangue e scontri. Un altro episodio curioso si verificò nel 1996 quando i tifosi del Levski lanciarono in campo un serpente velenoso per colpire l’arbitro della gara.

768x432.jpg

Il Derby Eterno di Sofia è per questi motivi considerato uno dei più violenti del pianeta, il clima a ogni gara è caldissimo e l’attesa per la gara si stende oltre lo stadio dove la fazioni si cercano e si colpiscono cercando sempre di eludere i controlli sulla sicurezza da parte della polizia.

Articolo a cura di Federico Bottara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...