VI PRESENTO KEITA BALDÉ

keita-balde

Nei giorni dei colloqui di Madrid, che non sono propriamente un cenno pescato dalle antologie sulla storia, è passato inosservato un altro affare che coinvolge la famiglia interista.

Nato, sviluppato e concluso sotto la pesante ombra della trattativa per Modric, l’Inter – nella figura di Piero Ausilio – ha definito tutto per il passaggio di Keita Baldé Diao alla corte di Luciano Spalletti.

Non vi dirò nulla che già sappiate sul senegalese ex Lazio, perché convinto che quello che si vedrà all’Inter non è il Keita che conoscete. Ma un uomo avvolto dal mistero.

Tutto comincia una notte d’estate del 2017, quando Luciano Spalletti, fresco allenatore dell’Inter, si sveglia avvolto da un lenzuolo umido e fastidioso. Forse un incubo, forse un attacco di panico. Ma fu quella notte che cominciò a sentire una voce.

Sì: è la risposta alla domanda che ti stai facendo”.

Diceva la voce.

Passavano i giorni. Il mercato terminava tra malumori e promesse spezzate, il campionato incominciava tra record e clamori. Poi dicembre, che con le prime gelate copre ogni parvenza di convinzione. Il resto è storia nota: una lenta risalita fino al monte Olimpo – o Olimpico, che dir si voglia – in quella sfida tra dèi di fine maggio che restituiva le stelle al popolo nerazzurro nella più luminosa delle serate.

Ma quella voce, quella voce dannata e perduta, non lasciava dormire sonni tranquilli.

Un’estate dopo, quel lenzuolo umido e fastidioso avvolge ancora Luciano.

“Sì: è la risposta alla domanda che ti stai facendo”.

Eppure qualcosa era cambiato rispetto all’anno precedente, sembra che i raccolti siano maturi e grazie al sapiente lavoro di Suning, coltivatrice di terre e finanze, i primi frutti si possano cominciare a cogliere.

Fu così che quella voce misteriosa si palesò a Luciano.

Keita Baldé Diao fece il suo ingresso nella stanza, giunto da Spalletti perché incuriosito dalle emozioni (ma che emozioni? – scusate, non ho resistito) riguardo all’amore decantate dal tecnico di Certaldo.

Un amore che è destino, forza e realizzazione. Qualità che il bad boy ormai ex Monaco deve ancora sviluppare.

Me lo immagino così, Keita. In un clima che mi ricorda molto quello in cui il misterioso Joe Black andò a far visita a Bill Parrish, accompagnandolo ovunque e facendo incuriosire la sua famiglia ed i suoi colleghi. A Luciano – pardon, Bill – l’arduo compito di presentarlo.

Cosa può realmente dare Keita all’Inter? Cos’è che Spalletti ci nasconde? Chi è veramente quel ragazzo?

Potrei perdere righe ad elencarvi le sue statistiche nelle passate stagioni, potrei spendere parole per convincervi che può essere plasmato a nuovo Salah, ché per caratteristiche cercate da Spalletti è quello che più vi si avvicina e che più lo potrà ricordare in questa avventura a tinte nerazzurre. Potrei farlo, ma non lo farò. E non perché non lo penso, anzi. Sono convinto che il vero Keita non si sia ancora visto, che a Montecarlo sia stata una parentesi (seppur dignitosa) molto al di sotto delle sue aspettative, che quei mesi da leader alla Lazio possano trasformarsi nel normale dispiegarsi della quotidianità.

E allora chi è Keita Baldé?

Ve lo presento, io. Un ragazzo che con la cura di un maestro, scoprirà un amore genuino che non aveva mai immaginato. Molti ci vedono un incognita, una testa calda. Io ci vedo Joe Black. La morte scesa sulla Terra per imparare ad amare.

Perché l’amore è passione, ossessione.

Luciano sembra averlo capito da sempre, tant’è che ora è guida e traghettatore di quel sentimento.

Keita deve ancora scoprirlo.

Ti chiederai: ci riuscirà?

“Sì, è la risposta alla domanda che ti stai facendo”.

Vi presento Keita Baldé.

Articolo a cura di Alfredo De Grandis

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...