GIOVANNI INVERNIZZI

45077194_300077470717745_5418909406425251840_n.jpg
Il nostro Alberto Maresca con Giovanni Invernizzi

Circa 300 presenze in Serie A e un segno permanente nella Storia blucerchiata. Ai microfoni della Gazzetta di Don Flaco c’è Giovanni Invernizzi, l’ex incontrista della Sampdoria dei miracoli che andò a un palo dal tetto d’Europa. La finale di Wembley Invernizzi vorrebbe forse non ricordarla, fu un suo fallo su Eusebio Sacristàn a causare la punizione che porterà al trionfo blaugrana, grazie al siluro di Rambo Koeman. Dopo il ritiro, ha deciso di restare nel mondo Samp, difatti oggi è responsabile del settore giovanile che tanto di buono ha prodotto negli ultimi anni. Proprio in questa nuova veste è stato intervistato da Alberto Maresca, ospite a Sorrento (NA) per l’inaugurazione di un raduno federale, dove il suo occhio esperto ha potuto scrutare astri nascenti provenienti dal Sud Italia.

Continua a leggere

KARL MARX FC

00marx 

“Le persone che vivono qui non guardano indietro, ma aspettano con impazienza un futuro nuovo e migliore”. Guardano al socialismo. Guardano con amore e devozione al fondatore della dottrina socialista, il più grande figlio del popolo tedesco, a Karl Marx. Con la presente espleto la decisione del governo ed eseguo il solenne atto di ridenominazione della città e dichiaro: d’ora in poi, questa città porterà il nome orgoglioso di Karl-Marx-Stadt”.

Continua a leggere

Y AHORA, CASTILLEJO

40243187_901001446777493_9039091611706851328_n
Dopo la sconfitta col Napoli, scatta l’ora di Castillejo? – Grafica di Alfredo De Grandis

Màlaga è una città tanto controversa quanto emblematica, rappresenta alla perfezione cosa significhi crescere al Sud, fra il mare e le difficoltà che spesso costringono i meridionali di tutto il mondo a lasciare la propria terra per poi farvi ritorno un giorno, magari da eroi. La maggior parte delle menti creative nate fra le strade del Guadalmedina ha iniziato a esprimere il proprio talento lontano dall’Andalusìa: statisti, attori e pittori che dipingevano un piccolo villaggio basco di nome Guernica durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

Continua a leggere