KARL MARX FC

00marx 

“Le persone che vivono qui non guardano indietro, ma aspettano con impazienza un futuro nuovo e migliore”. Guardano al socialismo. Guardano con amore e devozione al fondatore della dottrina socialista, il più grande figlio del popolo tedesco, a Karl Marx. Con la presente espleto la decisione del governo ed eseguo il solenne atto di ridenominazione della città e dichiaro: d’ora in poi, questa città porterà il nome orgoglioso di Karl-Marx-Stadt”.

Continua a leggere

UNA FAVOLA TUTTA DANESE

http://www.bt.dk

È curioso se ci fate caso. Il Paese che orgogliosamente conserva una delle più lunghe e illustri produzioni letterarie sottoforma di fiabe è oggi lo stesso da cui fa eco questa storia tanto curiosa quanto colma di piccoli aneddoti che solo il mondo del football è in grado di regalare. Se Hans Christian Andersen fosse nato oggi ne avrebbe sicuramente apprezzato trama e personaggi, e chissà, magari li avrebbe anche trascritti nero su bianco all’interno di una delle sue più celebri raccolte fiabesche. Non si tratta né di brutti anatroccoli, né di principesse sul pisello, ma di singolari intrecci e bizzarri protagonisti indubbiamente sì. Continua a leggere

ABOUT A BOY

KieranA circa 18 chilometri da Manchester, esattamente a metà strada tra Bolton e Rochdale, sorge Bury, città di circa 62mila abitanti che si innalza a cavallo della sinuosa intersezione dei fiumi Irwell e Roche. Ci sono due fattori che più di tutti rendono Bury uno degli agglomerati urbani più produttivi dell’intero Lancashire: l’industria cotoniera e la fruttuosa estrazione del carbone. Ma oltre a questi primati nel settore secondario, Bury si è resa celebre oltremanica per essere stata la città natale di due dei terzini destri più forti che la storia recente inglese possa documentare. Phil e Gary Neville hanno lasciato indelebili ricordi e indimenticabili istantanee nella Premier del nuovo millennio, raccogliendo un bottino complessivo di quasi mille gettoni tra i professionisti che va ad aggiungersi alle 59 presenze di Phil e le 85 di Gary con la maglia dei Tre Leoni. Ma non paga di questo lodevole riconoscimento, Bury ha dato i natali a un altro terzino destro che sembra ormai pronto a spiccare il volo e a scrivere una nuova, splendida, pagina di football. Continua a leggere

L’URAGANO DONELLI

DONELLI.png
Florie, Donelli (al centro) e Martinelli – Photo by ussoccerhistory.org

Nel bel mezzo della Grande Depressione, e alla vigilia della Coppa del Mondo del ’34, la U.S.F. A, piuttosto in bolletta, si trova a fronteggiare una condizione di particolare ristrettezza economica. La situazione è delicata. Non avendo piena conoscenza delle risorse a disposizione, la federazione statunitense prende tempo, e tergiversa, finendo per iscrivere la nazionale alle qualificazioni iridate fuori tempo massimo. La FIFA comprende l’eccezionalità dello scenario, si mette una mano sul cuore, e chiude un occhio, scendendo a compromessi con le esigenze degli statunitensi: il patto prevede la disputa di uno spareggio con la trionfatrice della zona mesoamericana.

Continua a leggere

“A MÁFIA DO APITO”. LO SCANDALO DEL 2005 CHE COLPÍ IL BRASILERÃO

Nome duro quello che fu usato dalla stampa brasiliana per definire lo scandalo che colpì il campionato brasiliano del 2005. A máfia do apito (La mafia del fischietto) fu chiamato così per il coinvolgimento diretto di arbitri nella manipolazione dei principali tornei Brasiliani.

Uno dei maggiori protagonisti di questo schema corrotto fu sicuramente l’arbitro internazionale Edílson Pereira de Carvalho che, prima di questi fatti, era stato già accusato in principio di aver falsificato il suo diploma di scuola superiore (requisito obbligatorio per diventare arbitro professionale) e di aver insultato Carlos Tevez e Sebá in una partita tra São Paulo e Corinthians.

Ma come funzionava questa Máfia?

Continua a leggere

NON SI GIOCA A CALCIO SOLO SULLA COSTA! L’INCREDIBILE STORIA DELL’OSTERSUND AI SEDICESIMI DI EUROPA LEAGUE

“Det är ju så att man fäller en tår, att detta lag från Östersund, har satt Sveriges inland på kartan. Man behöver inte bo längs med kusten för att kunna spela fotboll. Tack vare ÖFK fick jag intresse av att kolla på fotboll. Blir en helt annan sak när man har en anknytning till staden!”

Questo è uno dei casi in cui mi scende una lacrima, questa squadra di Östersund ha messo l’interno della Svezia sulla mappa. Non devi vivere lungo la costa per giocare a calcio. Grazie all’ÖFK ho avuto interesse a guardare il calcio. Diventa una cosa completamente diversa quando sei connesso alla città!

Continua a leggere

FLUMINENSE, TRA RAZZISMO E “PÓ DE ARROZ”

img_5890

Il razzismo é sempre stato un argomento delicato da trattare e quando se ne parla si rischia spesso di cadere nel banale. Per questo ho pensato che fosse meglio raccontarvi la storia di come venne coniato il nome della tifoseria del Fluminense. E voi penserete “e questo cosa c’entra con il razzismo?”

Continua a leggere