MAIEUTICA, CARATTERE E DESTINO: L’INTER DI LUCIANO SPALLETTI

25114771_1986916471324300_1746865742_n(1)

Uomini forti, destini forti. Uomini deboli, destini deboli. Parole semplici e concise, enfatizzate al punto di camaleontizzarsi perfettamente per un dialogo de “Il buono, il brutto e il cattivo” di Sergio Leone. Luciano Spalletti da Certaldo è sempre stato così e ha sempre agito così: distinguersi tra un neanche troppo velato narcisismo, un sottile umorismo e la stigmate del leader carismatico, senza mai perdere di vista il culto del lavoro. Un campione di comunicazione tra un mirato e consapevole paraverbalismo, con la nobile semantica del corpo ad agire da coadiuvante padrona a parole minuziosamente scelte e l’occhio navigato di chi ha sempre estrapolato il meglio da ogni risorsa a sua disposizione.

Continua a leggere

POSSESSO PALLA PRECISIONE NEI PASSAGGI E INSERIMENTI: IL LANÚS DI ALMIRÓN TRA LE GRANDI DEL SUD AMERICA

lanus 2

«Al di là dei risultati, penso che tutti quelli che passano per il calcio, debbano lasciare un’eredità». L’eredità di Jorge  Almirón, allenatore del Lanús, è molto chiara: vincere, jugando bien. In Argentino lo definiscono un «técnico antisistema» che per certi versi imbarazza il sistema perché ne parla male. « Chi insegna ai bambini i lanci lunghi? Per me è impensabile, se non sai fare un passaggio e arrivi a giocare in Priméra, qualcosa non va» aveva detto al Clarín qualche mese fa. L’idea di Almirón è quella di costruire un calcio diverso, fatto di tecnica, più che di tattica. Un progetto visionario, tanto affascinante da attrarre un altro visionario del futbol argentino, César Luis Menotti

Continua a leggere

CORSA, PRESSING E VERTICALIZZAZIONI: GIAMPAOLO STA CAMBIANDO LA TRANSIZIONE OFFENSIVA

img_4415

Marco Giampaolo è uno scienziato del calcio. L’allenatore della Sampdoria, sta rivoluzionando la fase di recupero palla nel calcio italiano, evolvendo il concetto  di pressing sacchiano e riducendo i tempi di gioco tra quando si conquista il pallone e si arriva a concludere in porta. Il suo 4-3-1-2 è quanto di più spaventosamente verticale voi possiate trovare oggi su un campo di serie A.

Continua a leggere

ÖZCAN MELKEMICHEL: CACCIATORE NEL GIARDINO DEL RE

IMG-20171029-WA0024(1)

Un tempo era la riserva di caccia preferita dal re. Oggi è un’isoletta, tra le più chic della Venezia del Nord, che consta principalmente di un parco (il Djurgården) e dal canale Djurgårdsbrunnsviken. Tra parchi divertimenti e musei (favoloso il Nordiska Museet, che raccoglie gli ultimi 500 anni di cultura scandinava), tra l’ex ammiraglia da guerra Vasa oggi convertita in attrazione turistica e lo Skansen, museo all’aperto con tanto di zoo, non ci si annoia mai.

Continua a leggere

LA SCINTILLA DI TETOVO

Shkendija KF – Graphic by Giacomo Maurizi di http://www.chronosrealms.com


Daniele Pagani rispolvera il passaporto e dopo aver analizzato nel dettaglio i diktat tattici ed i punti di forza del Nizza di Lucien Favre, prossimo avversario del Napoli ai preliminari di UEFA Champions League, quest’oggi voleremo a Tetovo, nel nord ovest della Macedonia, per conoscere un pochino meglio i prossimi avversari del Milan di Vincenzo Montella in UEFA Europa League, il Fudbalski Klub Šhkendija. La gara d’andata sarà il 17 Agosto, quella di ritorno il 24. Tra una velata superbia ironica e qualche statistica ufficiale dal campo, andiamo a scoprire storia, curiosità e segreti dei nuovi rivali europei della squadra rossonera.

Continua a leggere

LE JOURNAL DE LUCIEN

23601940_140598723256422_893367498_n

L’urna di Nyon è la dea bendata della UEFA Champions League. Da essa attingono ogni anno le mani di alcune divinità calcistiche, che hanno il compito di decidere il destino delle squadre partecipanti. Al Napoli di Maurizio Sarri è capitato il Nizza di Lucien Favre, collettivo che la scorsa stagione è riuscito a piazzarsi alle spalle di Monaco e Paris Saint Germain in Ligue 1. Daniele Pagani ci racconta cos’è davvero cambiato all’ombra dell’Allianz Riviera, iniziando dal fattore calciomercato, per poi passare successivamente ad un’analisi tattica. Come funziona la giostra di Favre?

Continua a leggere