SENZA MEZZE MISURE, COME QUIQUE SETIÉN HA RIPORTATO IN EUROPA IL BETIS SIVIGLIA

Un cittadino del mondo, ecco chi è Quique Setién. Un uomo senza mezze misure, che è andato ad allenare in Guinea Equatoriale, anche per una sola partita. «Sto ancora aspettando una loro chiamata» ha scherzato con Espn. Uno che non ha paura di attaccare, anche sui giornali, Dmitry Piterman e Mr Alì, i due proprietari che hanno affossato il Racing Santander, sua squadra del cuore. E proprio nella città della banca spagnola più famosa ha cominciato. Stagione 2001/02 Racing appena retrocesso in Segunda Division e con l’obiettivo della rapida risalita in Liga. Alla fine della stagione secondo posto dietro l’Atletico Madrid e otto giocatori tra i primi marcatori del campionato: Bodipo, Guerrero, Mazzoni, Morán, Txixi, Mateo, Delgado e Sierra. Un primo accenno di quel sistema che diciassette anni dopo avrebbe costruito al lato opposto della penisola, a Siviglia, con un’altra squadra biancoverde.

Continua a leggere