LA DIASPORA DEL BRANCO

35541627_198549807461313_3362279581049421824_n.jpg
Grafica realizzata da Giacomo Maurizi per “La Gazzetta di Don Flaco”

I gravi episodi di violenza riguardanti lo Sporting Lisbona hanno condotto all’esonero di Jorge Jesus e la richiesta comune da parte di moltissimi giocatori per poter rescindere il proprio contratto con il club biancoverde. Una diaspora – quella dei Leões (i leoni) – che noi de “La Gazzetta di Don Flaco” abbiamo voluto interpretare come il più classico what if. Quali sono le squadre del nostro calcio che potrebbero necessitare dei suddetti calciatori? Andiamo a scoprirlo tra sogni, realtà e dati di campo.

Continua a leggere

IL “FU MARCELO BROZOVIC”

WhatsApp Image 2018-04-18 at 12.21.44
Immagine di Giacomo Maurizi – Tutti i diritti sono riservati a “La Gazzetta di Don Flaco”

Sono passati 66 giorni. Era l’11 Febbraio, e l’Inter aveva totalizzato la miseria di 6 punti nelle precedenti 8 partite. Si giocava a San Siro con il Bologna, era l’occasione per dare una svolta alla preoccupante involuzione che attraversava la squadra. Continua a leggere

CARPE DIEM

CARPE DIEM 2
Immagine realizzata da Alfredo De Grandis per “La Gazzetta di Don Flaco”

Stiamo parlando forse della frase più banalizzata della storia della letteratura latina. Sottratta dal suo contesto originale, è presto diventata réclame del mondo occidentale, su un modello quasi consumistico che stupra e non rende giusta memoria alla lirica oraziana. Continua a leggere

QUESTIONE DI OPPORTUNITÀ

28033912_163051554344472_1475792005_o(1)
Yann Karamoh esulta dopo il gol al Bologna – Photo edited with Prisma

L’incessante e melenso scorrere d’inchiostro utilizzato al fine del mero pompaggio mediatico altro non fa – ovunque sia possibile – che rendere estremamente labile il confine che separa il concetto di talento da quello di personalità. Non si parla tanto di parallelismi giolittiani filo apocalittici nel definire il rapporto tra Stato e Chiesa, ma più dell’esistenza di una struttura e di una sovrastruttura (sul modello marxista) in qualsiasi contesto della routine quotidiana e lavorativa. Mondo del calcio compreso. Se la sovrastruttura è il contesto in dinamica evoluzione attraverso il quale la struttura si esprime – in maniera direttamente proporzionale – la personalità è lo strumento attraverso il quale riusciamo a esprimere un talento specifico, ipotetica colonna portante di futuri successi. Nel mondo del calcio sussiste ugualmente una Variabile X in grado di abbattere la metafisica intrinseca del rapporto interrelazionale tra i due fattori e che si concreta irrimediabilmente nell’opportunità.

Continua a leggere

ROMA-SHAKHTAR: CORAGGIO CONTRO VORACITÀ

WhatsApp Image 2017-12-14 at 09.32.59

Avete presente com’è svegliarsi dopo un bel sogno?

Non mentiamo, siamo tutti caduti nella tentazione di rispondere alla chiamata dell’onirico. Chiudendo gli occhi speranzosi di ritrovarci nello stesso punto di qualche istante prima. Ma niente da fare, volenti o nolenti il richiamo della giornata da affrontare ci costringerà a far ritorno alla realtà, sciogliendo sul cuscino e tra i ricordi quella bella sensazione.

Così a Roma, così a Donec’k.

Il sole sorge sugli accampamenti, che si rivelano tra i fumi dei focolari che arrostivano maiale la notte precedente. Le milizie escono dalle tende, chi dalla propria chi da un’altra dove ha trovato felice compagnia. A terra si contano i calici e le bisacce imbrattati di vino, che i giovani apprendisti delle primavere raccolgono con sapienza, mettendo in ogni gesto cura e speranza.

Così a Roma, così a Donec’k. Continua a leggere

MAIEUTICA, CARATTERE E DESTINO: L’INTER DI LUCIANO SPALLETTI

25114771_1986916471324300_1746865742_n(1)

Uomini forti, destini forti. Uomini deboli, destini deboli. Parole semplici e concise, enfatizzate al punto di camaleontizzarsi perfettamente per un dialogo de “Il buono, il brutto e il cattivo” di Sergio Leone. Luciano Spalletti da Certaldo è sempre stato così e ha sempre agito così: distinguersi tra un neanche troppo velato narcisismo, un sottile umorismo e la stigmate del leader carismatico, senza mai perdere di vista il culto del lavoro. Un campione di comunicazione tra un mirato e consapevole paraverbalismo, con la nobile semantica del corpo ad agire da coadiuvante padrona a parole minuziosamente scelte e l’occhio navigato di chi ha sempre estrapolato il meglio da ogni risorsa a sua disposizione.

Continua a leggere