IL “DANESE” PIÚ AMATO DI SVEZIA

olsen.jpg
Photo by iol.co.za

Le onde che sbattono contro la spiaggia di Askimsbadet, a Göteborg, contrastano con le increspature del fiume Göta, che il re Gustavo Vasa volle pieno di canali navigabili così da unire la seconda città più popolata della Svezia con Stoccolma senza passare per Öresund (e quindi dover pagare balzelli agli odiati danesi).

Continua a leggere

NON SI GIOCA A CALCIO SOLO SULLA COSTA! L’INCREDIBILE STORIA DELL’OSTERSUND AI SEDICESIMI DI EUROPA LEAGUE

“Det är ju så att man fäller en tår, att detta lag från Östersund, har satt Sveriges inland på kartan. Man behöver inte bo längs med kusten för att kunna spela fotboll. Tack vare ÖFK fick jag intresse av att kolla på fotboll. Blir en helt annan sak när man har en anknytning till staden!”

Questo è uno dei casi in cui mi scende una lacrima, questa squadra di Östersund ha messo l’interno della Svezia sulla mappa. Non devi vivere lungo la costa per giocare a calcio. Grazie all’ÖFK ho avuto interesse a guardare il calcio. Diventa una cosa completamente diversa quando sei connesso alla città!

Continua a leggere

WINTER IS COMING

873767964-U430503201270123WF-U4339010812799339LD-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443
La Svezia festeggia la qualificazione ai Mondiali – photo by http://www.corrieredellosport.it

A Stoccolma, molto probabilmente, sapevano già come sarebbe andata a finire. Quando il periodista Simon Bank dava sfogo alle sue tensioni servendosi del suo mestiere, quello di giornalista presso una delle più quotate testate sportive svedesi, lo Sportbladet, era chiaro cosa si sarebbe palesato gli occhi di una Stoccolma attonita e incredula. La loro nazionale, guidata in modo così maniacalmente attento da un ex giocatore di pallamano qual è il cittì Jan Andersson, faccia da burbero e soprannome “Janne” da usare soltanto se giornalisti o amici intimi del personaggio, aveva tutto per far bene.

Continua a leggere

CAPORETTO CALCISTICA

ITALIA
La delusione di Florenzi – Photo by Sky Sport

Se sono qui oggi, e credetemi non vorrei per nessun motivo, è per parlarvi della più grande disfatta del calcio italiano da 60 anni a questa parte. Sicuramente lo sapete già, anche se io onestamente faccio ancora fatica a crederci.

Continua a leggere